Pd, Letta capolista sceglie il Lombardoveneto Lombardia e Veneto. Candidato Crisanti per circoscrizione Europa

Lettura 2 min

Nella notte la direzione del Pd ha varato le liste con i candidati. La votazione della relativa delibera ha fatto registrare 3 contrari e 5 astenuti. Al voto non ha partecipato Base riformista, la corrente guidata dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini e dall’ex ministro Luca Lotti; quest’ultimo, peraltro, è rimasto escluso dalle liste al termine di un durissimo braccio di ferro. Il risultato di una direzione slittata per tre volte proprio a causa delle tensioni interne (avrebbe dovuto tenersi alle 11, poi alle 20 e poi alle 20.30 ma Letta si è palesato solo alle 23) ha decretato che il segretario sarà capolista alla Camera in Lombardia e Veneto mentre l’economista Carlo Cottarelli a Milano e il virologo Andrea Crisanti nella circoscrizione Europa. Quattro under 35 capolista: Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina, Marco Sarracino.

 Sottolineato dalle fonti dem il rispetto della parità di genere nelle liste. A Bari, collegio uninominale per la Camera, correrà la scienziata Luisa Torsi. Per il Senato, al proporzionale in Puglia correranno Francesco Boccia, Valeria Valente e Antonio Misiani. Eppure, proprio relativamente alla Puglia si registra il Tweet polemico del senatore Dario Stefano, che due giorni fa ha annunciato che lascerà il partito colpevole, a suo dire, di aver “sacrificata l’agenda Draghi per un indistinto programma generalista”.

Per Stefano, “La volontà di #Letta e #Boccia di ‘trasformare questo partito tradizionalmente maschilista in un partito femminista che dia spazio alle donne’ si è arenata con la sostituzione capigruppo #PD Camera e senato nel 2021. In #Puglia, nessuna #donna capolista. Nessuna vergogna?”.

Servizio Precedente

Sfattoria degli ultimi. I gestori: Non comprendiamo attacco degli allevatori di suini e cinghiali

Prossimo Servizio

Il senatore Stefano (che lascia il Pd): Liste maschiliste, nessuna vergogna?

Ultime notizie su Elezioni