Il Partito Popolare e il rebus della maggioranza nel Parlamento europeo

10 Giugno 2024
Lettura 1 min

Secondo la prima proiezione diffusa poco fa dal Parlamento Europeo, la cosiddetta maggioranza Ursula, Ppe, S&D e Renew Europe conquisterebbe 404 seggi, contro i 417 della legislatura 2019-24. Su 720 seggi, in crescita dai 705 della legislatura 2019-24, la maggioranza è di 361. Il Ppe conterebbe su 189 seggi, in crescita rispetto a 176; il gruppo S&D sarebbe a 135 seggi, rispetto a 139; Rinnovare sarebbe a 80, in calo dagli attuali 102. I Verdi sono a 52, in calo da 71; l’Ecr guadagna tre seggi, da 69 a 72; Identità e Democrazia passa da 49 a 58; la Sinistra da 37 a 36. I Non Iscritti sono 46; i neoeletti non affiliati sono 52. La proiezione, a differenza delle precedenti, si basa sui risultati provvisori del voto in 24 Paesi; su exit poll in due (Italia e Polonia) e su intenzioni di voto in uno (Belgio). Se questi numeri dovessero essere confermati dai dati definitivi, non sarebbe più possibile per Socialisti, Verdi, Liberali e Sinistra coalizzarsi per formare una maggioranza escludendo il Ppe: la loro somma, sulla base di questo quadro, avrebbero 303 seggi, non sufficienti a fare una maggioranza. Essere centrali nella formazione di una maggioranza era uno degli obiettivi principali del Ppe per queste elezioni. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il post di Giorgia Meloni: Oltre il successo delle politiche, grazie!

Prossimo Servizio

Europee, meno della metà degli italiani al voto. Meloni sfiora il 30%, primo partito in tutto il Nord, Lega solo terza. Forza Italia supera Salvini ma il partito è di Vannacci. Fuori Renzi e Calenda. Libertà di De Luca al 7,6% in Sicilia

Ultime notizie su Elezioni

TornaSu