Bernardelli e Rizzi: “Autonomia è diventata fumo negli occhi. Al Nord serve la secessione. Obiettivo è l’indipendenza da Roma”

Lettura 2 min

“E’ diventata come un tiramolla, l’autonomia. Non serve agitare continuamente questa sorta di madonna pellegrina per riscaldare gli animi del Nord. E’ un pannicello caldo, svuotato di senso. Alziamo di nuovo i ltiro e rilanciamo l’idea della secessione, dell’indipendenza del Nord da Roma”. Lo dicono a caldo, osservando franare la Salvini Premier l’onorevole Roberto Bernardelli e Monica Rizzi, rispettivamente presidente e responsabile organizzativo federale di Grande Nord.

“I commenti critici che vengono in queste ore postati sui social dai leghisti o dai trombati lasciano il tempo che trovano – proseguono Bernardelli e Rizzi -. Prima dov’era questa schiera di capitani coraggiosi? Perché non hanno contrastato a viso aperto il corso salviniano e sono rimasti fino all’ultimo a nel progetto di “Prima gli italiani”? Noi affermiamo da tempo che la questione settentrionale è la questione politica madre di tutte le battaglie. Al voto infatti abbiamo visto solo la vecchia contrapposizione Roma-Polo e Roma Ulivo, per usare un termine che anni fa illustrava perfettamente il vero quadro politico. Destra e sinistra, rispolverate. Lo diciamo da sempre, anche se poi qualcuno lo scopre solo ora. Che il dualismo sia tra il Nord e il Sud è evidente, Grande Nord è nato proprio per questo 5 anni fa, per ricostruire dalle macerie e per rivendicare in modo netto che si è partito di territorio, l’unico sindacato del Nord che è fuori dagli schemi e che ha il coraggio di parlare senza scheletri negli armadi. Il Nord si svegli e riprenda in mano il suo futuro”.

Servizio Precedente

Robusti: E Salvini perde anche il Sud. Alle Regionali 2023, altro giro altro cambio di testimone?

Prossimo Servizio

La Csu bavarese pronta a difendere l'autonomia del Sud Tirolo Alto Adige

Ultime notizie su Elezioni