Voragine occupazionale. Istat, 840mila occupati in meno

Lettura 1 min

Una voragine occupazionale. Senza una risposta. Nel secondo trimestre del 2020 gli occupati sono diminuiti, a causa dell’emergenza sanitaria e del lockdown, di 470.000 unita’ rispetto al primo trimestre e di 841.000 unita’ rispetto al secondo. Lo rileva l’Istat nell’indagine sul mercato del lavoro sottolineando che la riduzione e’ dovuta soprattutto al calo dei lavoratori a termine e degli indipendenti. Rispetto al secondo trimestre 2019 i dipendenti a termine sono diminuiti di 677.000 unita’ (-21,6%) mentre gli indipendenti hanno perso 219.000 unita’ (-4,1%) a fronte di un -3,6% dell’occupazione complessiva, I dipendenti stabili sono aumentati su base tendenziale di 55.000 unita’ (+0,4%) Nel periodo era in vigore il blocco dei licenziamenti. Il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni scende al 57,6% .

Servizio Precedente

Salvini, "due dei commercialisti arrestati che conosco sono onesti. Anche Siri innocente. Contro me processi politici"

Prossimo Servizio

Caso Lfm, indagato: ne faremo altre 1000...

Ultime notizie su Economia