Vi piacerebbe essere come in Cina? Perché questo è il Covid dell’avvenire che ci attende

/
Lettura 2 min

di Luigi Basso – Dovendo essere sintetico, sarò brutale.
Il comunismo è una dittatura in cui una oligarchia al potere elimina ogni libertà personale, economica, di impresa, di pensiero, per regolare la vita dei cittadini.
I comunisti sanno che per instaurare la loro tirannia statalista debbono sfruttare le crisi cicliche del capitalismo: infatti solo in una situazione di emergenza può essere vinta la naturale resistenza delle masse a vedersi privare delle loro libertà.


Oggi il capitalismo è in crisi per via dell’epidemia di Covid e i comunisti hanno intravisto nell’Italia (preda ideale siccome sfiancata e messa a terra da una crisi sistemica evidente già da decenni) il terreno adatto per instaurare il loro laboratorio con falce e martello.
Questa è la posta in gioco.
Non ci credete?
Basta leggere l’intervista di Buffagni, vice ministro allo sviluppo economico, che dice che lo Stato potrebbe entrare nel capitale sociale delle imprese e poi sedere nei board a prendere decisioni (modello Fidel Castro a Cuba).
Oppure le dichiarazioni della Mazzuccato, super consigliera di Colao e Conte, che dice che questa crisi è una grande occasione per fare si che Stato Innovatore possa finalmente modificare la direzione del mercato, indirizzando le strategie delle imprese che saranno in simbiosi con lo Stato (modello URSS coi piani quinquennali).

Come si compone il campo di chi dovrebbe opporsi?
La Chiesa ha in gran parte compreso quello che sta avvenendo, forse crede a una qualche forma di dialogo coi comunisti come è avvenuto in certi casi.
I Grandi Imprenditori hanno portato fuori dall’Italia i loro colossi da tempo, vedendo prendere il potere a certi Dottor Stranamore.
L’opposizione è disintegrata: Silvietto tratta dall’estero, gli altri non hanno ancora capito cosa succede.
Ancora una volta arriverà il Settimo Cavalleggeri a salvarci?

Photo by Pier Francesco Grizi 

Servizio Precedente

Pagliarini: litigano da mattina a sera, non sono federalisti, il loro bene comune è il bene del partito

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Porta Romana bella!

Ultime notizie su Economia