Venezuela, Cina comunista e tempesta grillina. Qualcosa ci accomuna?

/
Lettura 3 min

di Luigi Basso – Dopo Piazza Tienanmen, cioè negli ultimi 30 anni, la Cina ha iniziato ad allungare i propri tentacoli su tutto il pianeta.
Per 30 anni i Cinesi, facendo finta di interessarsi solo al commercio ed agli affari, hanno iniziato a tessere una fitta trama di rapporti economici in Australia, Africa, Europa e Sudamerica.
Nel mondo capitalista interessato solo al Dio Denaro è stato facile, per gli astuti cinesi, far credere che i funzionari ed emissari del Partito Comunista fossero innocui businessmen, interessati solo a far soldi perché parlavano di affari in giacca e cravatta.
In realtà i Cinesi, essendo Comunisti, sanno perfettamente che il controllo dell’economia (la “struttura” di Marx) è la leva che permette poi di determinare tutti gli altri rapporti (le “sovrastrutture”).


Questo è il motivo per cui i Paesi entrati nell’orbita cinese registrano ineluttabilmente una torsione autoritaria e dirigista di stampo statalista, in buona sostanza, una deriva comunista, dove i nemici da distruggere sono l’iniziativa e la ricchezza privata per creare un popolo sottomesso di sussidiati: il Paradiso della Consigliera del Premier Conte, Mazzucato.
Il Venezuela di Chavez e Maduro è uno Stato satellite della Cina, dipendendo un tutto e per tutto dal credito della Cina.


La Banca Centrale Venezuelana ha recentemente annunciato che userà lo Yuan come moneta di pagamento delle transazioni internazionali per appalti e forniture.
Lo stesso Maduro ha recentemente messo in mano ai cinesi il sistema delle telecomunicazioni venezuelano, diventando di fatto la 23esima Regione Cinese.
L’Italia è avviata da tempo allo stesso destino, grazie alla deriva neocomunista e statalista dei Grillini, di Conte e dei loro consociati nipotini di Togliatti.


Non deve dunque destare meraviglia né l’appoggio dato dal Governo italiano a Maduro all’epoca del fallito blitz di Guaido’ (all’epoca i vecchi alleati dei 5 stelle non capirono proprio nulla), né l’arrivo in Italia di funzionari venezuelani col pretesto del Covid 19: si trattava di un puerile pretesto poiché le condizioni di povertà ed indigenza dei venezuelani sono talmente gravi e diffuse che anche col Covid in Italia sarebbero serviti comunque più medici a Caracas.


C’è una sola differenza enorme tra Venezuela e Italia: l’Italia è saldamente ancorata al Trattato Internazionale NATO e ogni cedimento
verso Pechino mette in pericolo la sicurezza di tutti gli alleati.
Non tutto è perduto, dunque.
Forse.

Photo by Kevin Keith 

Servizio Precedente

Il 5 Stelle ripescano dall'esilio Di Battista per giocarsi tutto con il Jolly?

Prossimo Servizio

Mafia Capitale (che non esiste). Massimo Carminati torna libero. Scaduti termini di custodia cautelare

Ultime notizie su Economia