Venerdì 17, peggio di così…

16 Novembre 2023
Lettura 1 min

Fermata ridotta a 4 ore nei trasporti, da bus e metro, ai treni e traghetti; resta di 8 ore per le altre categorie, dalla scuola alla sanità alle poste, a livello nazionale: così lo sciopero di venerdì 17 novembre proclamato dalla Cgil e Uil contro la manovra e rimodulato per il settore dei trasporti dopo la precettazione. Escluso dallo sciopero il trasporto aereo. Alla protesta nazionale, si aggiunge quella delle altre categorie nelle regioni del Centro, per le quali lo sciopero rimane di 8 ore. 

4 ORE PER TPL E TRENI, NAVI E TRAGHETTI. Nel trasporto pubblico locale lo stop, dopo la precettazione, si riduce da 8 a 4 ore, dalle 9 alle 13, per gli addetti di autobus, tram e metropolitane, nel rispetto delle fasce di garanzia. Stessi orari di fermata nel trasporto ferroviario per il personale viaggiante e addetto alla circolazione dei treni. Assicurati i treni garantiti. Stessa fascia per il trasporto marittimo e il trasporto merci ferroviario. 

4 ORE ANCHE PER I VIGILI DEL FUOCO. Per i Vigili del fuoco l’astensione era già stata ridotta a 4 ore, sempre dalle 9 alle 13.

STOP DI 8 ORE PER GLI ALTRI. Lo sciopero di 8 ore o interno turno di lavoro riguarda il pubblico impiego, la sanità, la scuola, l’università e ricerca, le poste ei servizi postali. Insieme a questi settori, le attività di servizio collegate come le mense. Anche per i taxi previsti fino alle 24 l’astensione della prestazione o parte di essa. Così come per gli addetti alla viabilità di autostrade e Anas (ad eccezione del personale addetto alla circolazione e sicurezza stradale). 

REGIONI DEL CENTRO. Venerdì lo sciopero di 8 ore riguarda inoltre le regioni del Centro e quindi le lavoratrici ei lavoratori delle rimanenti categorie, del settore privato: dai metalmeccanici all’edilizia, commercio. La mobilitazione di Cgil e Uil si articola infatti su cinque giornate di scioperi a livello interregionale: poi sarà la volta lunedì 20 novembre della Sicilia; venerdì 24 delle regioni del Nord; lunedì 27 della Sardegna e, infine, venerdì 1 dicembre delle regioni del Sud. 

VOLI REGOLARI. Resta fuori dallo sciopero il trasporto aereo, come già deciso da Cgil e Uil, insieme al personale di volo e di terra (gestori, handler, catering, servizi in appalto della vigilanza privata aeroportuale) e al personale Enav. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

CONFCOMMERCIO: SERVE PROSPETTIVA STRUTTURALE ALLE MISURE ECONOMICHE

Prossimo Servizio

Made in Expo, tavola rotonda in Fiera a Milano-Rho con Ciocca

Ultime notizie su Economia

La “solita” procedura d’infrazione?

di Gigi Cabrino – Era prevista ed è arrivata.La commissione UE ha avviato una procedura di infrazione contro Italia, Francia e altri cinque paesi: Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. Nella valutazione
TornaSu