Turismo perde 6 miliardi. E Garavaglia si scusa sui ritardi per aiuti annunciati

20 Aprile 2021
Lettura 2 min

 “A fronte della necessità di avere urgenti riscontri e maggiori certezze sulle tempistiche dei pagamenti, il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, scusandosi per i ritardi accumulati, ha dichiarato che i bonifici per contributi approvati e assegnati dal decreto Mibact, verranno attivati entro 10 giorni”. E’ quanto riferiscono in una nota congiunta le associazioni del turismo organizzato che hanno incontrato il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, che sono: Aidit Federturismo Confindustria, Assoviaggi Confesercenti, Astoi Confindustria Viaggi, Fiavet e Fto-Federazione Turismo Organizzato Confcommercio Il ministro ha inoltre annunciato che sta per emettere un nuovo decreto ministeriale per utilizzare le risorse residue non ancora assegnate, per dare una prima e tempestiva risposta al tema della copertura delle perdite subite da agosto 2020 in poi, con criteri più equi, che tengano conto delle imprese turistiche escluse dai ristori, tra cui quelle di nuova apertura, e del mix di fatturato intermediazione/organizzazione. La filiera del turismo organizzato prevede una perdita di 6 miliardi di fatturato anche nel primo semestre 2021. Il ministro, oltre a evidenziare come l’obiettivo principale sia quello di far tornare a fatturare la filiera, ha fornito alcune anticipazioni sul nuovo decreto Sostegni bis.

E’ stato affrontato il problema della prossima scadenza dei voucher, in merito al quale il ministro – riferiscono le associazioni – ha detto di voler individuare una soluzione per cui la proroga di sei mesi potrebbe essere un’ipotesi percorribile. Per le associazioni questa soluzione deve essere però accompagnata da incentivi per il loro utilizzo, come ad esempio un credito di imposta per il consumatore. Riguardo le recenti dichiarazioni del Ministro per l’utilizzo in agenzia del bonus vacanze, le associazioni hanno evidenziato le attuali criticità relative alla complessità di utilizzo per il consumatore e del credito di imposta per le imprese. ”Una prima volta significativa che ci ha visto tutti insieme per il bene della filiera del turismo organizzato. – per Domenico Pellegrino presidente di Aidit – Apprezziamo la concretezza e trasparenza espressa dal Ministro. Riteniamo indispensabile proseguire con il lavoro congiunto che porti all’adozione di provvedimenti mirati e dedicati per le nostre imprese”. ”Il ministro ha anticipato che nel decreto sostegni bis saranno introdotti nuovi parametri per la determinazione dei contributi, come ad esempio costi fissi, perdite e fatturato per i settori con cali più significativi. commenta Gianni Rebecchi – presidente di Assoviaggi – E’ importante che nel nuovo decreto sostegni siano previste adeguate risorse per far fronte alle ingenti perdite che le imprese stanno registrando anche nel 2021. Il nostro comparto è il più colpito di tutti da questa pandemia”.

 ”Ora siamo fermi e le nostre imprese necessitano di programmazione per ripartire – afferma Pier Ezhaya presidente di Astoi – Quindi apprezziamo il principio espresso dal Ministro di voler riconoscere una indennità per le imprese che, a fronte delle restrizioni adottate, sono impossibilitate a poter svolgere la propria attività”. ”Apprezzabile la dichiarazione che le risorse avanzate dal bonus vacanze saranno reinvestite nel turismo – prosegue Ivana Jelinic – presidente di Fiavet- e confidiamo che questa volta venga valorizzato il contributo che le agenzie di viaggi possono dare grazie alla loro capillarità sul territorio e alla relazione con il viaggiatore”.”E’ un primo passo positivo ma il lavoro da fare è ancora tanto. Abbiamo voluto condividere direttamente con le imprese della filiera – conclude Franco Gattinoni presidente di Fto – informazioni aggiornate sui principali argomenti di rilievo per la nostra categoria”. 

Photo by Flo P 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

37 cittadini su 100 si sentono del Nord. Domanda autonomista è diffusa ma senza rappresentanza politica

Prossimo Servizio

Cresce il food delivery

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss