Tonfo del reddito, mai così giù dal 2014. Risultato di zero aiuti a famiglie e imprese

Lettura 3 min

Calano il reddito, i consumi e il potere d’acquisto delle famiglie. Volano la pressione fiscale, il deficit e il debito. E’ questa la fotografia scattata dall’Istat, da cui si evince che la situazione di crisi e’ ben lontana dall’essere superata. Nel dettaglio, nel quarto trimestre del 2020 il reddito e’ diminuito dell’1,8% rispetto al trimestre precedente. A fronte di un aumento del deflatore implicito dei consumi dello 0,2%, il potere d’acquisto e’ diminuito del 2,1%. Aumenta contestualmente la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici che e’ stata pari al 15,2% (+0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente). Tale aumento deriva da una flessione della spesa per consumi finali piu’ sostenuta rispetto a quella registrata dal reddito disponibile lordo (-2,5% e -1,8% rispettivamente). 

 In leggero calo il tasso di investimento delle famiglie consumatrici che e’ stato pari al 5,7%, 0,1 punti percentuali piu’ basso rispetto al trimestre precedente, a fronte di una flessione degli investimenti fissi lordi del 2,7% e della diminuzione dell’1,8% del reddito lordo disponibile. Contestualmente, e’ in rialzo la pressione fiscale: secondo gli ultimi dati dell’Istat, nel IV trimestre dello scorso anno e’ stata pari al 52,0%, in crescita di 1,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E questo andamento, nonostante la riduzione delle entrate fiscali e contributive. Nel III trimestre, era al 39,3%. Il deficit/Pil nel 2020, e cioe’ complessivamente nei quattro trimestri dello scorso anno, vola al 9,5% in netto peggioramento rispetto all’1,6% del corrispondente periodo del 2019. In termini di incidenza sul Pil, nel 2020 il saldo primario e il saldo corrente sono risultati negativi, pari rispettivamente al -6% (+1,8% nel 2019) e al -4,3% (+1,7% nel 2019). Solo nel IV trimestre il deficit/Pil e’ stato pari al 5,2%; nello stesso periodo dell’anno precedente risultava un accreditamento dell’1,9%. Il saldo primario delle A.P. (indebitamento al netto degli interessi passivi) e’ risultato negativo, nel quarto trimestre, con un’incidenza sul Pil del -1,9% (+5,2% nel quarto trimestre del 2019), mentre il saldo corrente delle A.P. e’ stato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,5% (+5,6% nel quarto trimestre del 2019). “Come nei primi nove mesi dell’anno, l’incidenza del deficit delle Amministrazioni pubbliche sul Pil e’ sensibilmente aumentata in termini tendenziali per la riduzione delle entrate e per il consistente aumento delle uscite, dovuto alle misure di sostegno al reddito di famiglie e imprese”. Infine, e’ in netto aumento, nel 2020, il rapporto debito/Pil che sale al 155,6% mentre nel 2019 era pari al 134,6%.

Servizio Precedente

Venti di guerra nel cuore dell'Europa. L'annessione ucraina della Crimea

Prossimo Servizio

Ti chiudo e ti bastono. In un Paese normale fermo da un anno può salire al massimo la pressione fiscale?

Ultime notizie su Economia