Taglio del gas russo, l’Italia risolve così: lampioni spenti e meno riscaldamento

Lettura 1 min

Tre livelli di allarme per la crisi del gas con il taglio delle forniture dalla Russia, l’Italia per il momento è ferma al primo. Ma se Mosca dovesse sospendere in via definitiva le forniture alla Ue (a cui l’anno scorso aveva assicurato il 44% del suo fabbisogno), il governo sarebbe costretto a far scattare la fase di emergenza. Secondo quanto riportato da La Repubblica, il piano prevede una serie di interventi che vanno dal “razionamento” del gas alle industrie energivore al maggior utilizzo delle centrali a carbone per la produzione di elettricità. Ma anche l’introduzione di politiche di austerity dei consumi: riscaldamento più contenuto, con tagli fino a due gradi della temperatura nelle abitazioni e negli uffici, risparmi sull’illuminazione pubblica, con orario ridotto di accensione dei lampioni sulle strade. Il tutto fino a quando il gas russo non verrà sostituito da forniture provenienti da altri Paesi produttori.

Foto di Marco Savastano

Servizio Precedente

"Sveglia! Non si può far morire il Po". Legambiente manifesta a Cremona

Prossimo Servizio

Costituente al centro... Film già visto. Piuttosto c'è Palamara che...

Ultime notizie su Economia