Rischio stop per un terzo delle aziende metalmeccaniche

Lettura 3 min

“La folle corsa dei prezzi del Gas e dell’energia dettata dalle tensioni internazionali e da regole anacronistiche di formazione dei prezzi sta condizionando radicalmente il panorama produttivo dell’industria metalmeccanica italiana alla ripresa post feriale che, dopo 18 mesi di andamento sostenuto e tra i migliori in Europa, rischia di precipitare in poche settimane nella piu’ nera recessione”

. Lo afferma il segretario generale della Fim Cisl Roberto Benaglia, riferendo che “alla riapertura delle fabbriche di queste giornate, molte imprese ci segnalano non solo costi di produzione ormai insostenibili, ma soprattutto la difficolta’ a programmare i prossimi mesi produttivi a fronte della totale incertezza”. “Ad essere colpite – prosegue il leader sindacale – non sono solo le filiere maggiormente energivore come siderurgia, metallurgia, lavorazione metalli, lavorazioni meccaniche, ma anche i settori utilizzatori quali la produzione di macchine utensili, la componentistica automotive, l’elettrodomestico”. Secondo la Fim Cisl un terzo delle imprese va incontro a seri problemi produttivi nel mese di settembre, nonostante portafogli ordini consistenti, che si potrebbero tradurre in conseguenze occupazionali non positive, con rischio di un aumento nell’uso di ammortizzatori.

“Il governo Draghi – chiede Benaglia – agisca ora nei pieni poteri per un piano d’immediato contenimento delle bollette da qui a Natale, di razionamento che salvaguardi il cuore manifatturiero del Paese, di approvvigionamenti garantiti anche tramite i rigassificatori e spinga sulle rinnovabili da subito. I partiti escano da una campagna elettorale di slogan attraenti e facciano quadrato attorno a questa grave emergenza per le imprese e per i lavoratori. E’ assolutamente prioritario governare e garantire approvvigionamenti sostenibili con ogni sforzo. Nessuno si illuda di arrivare alle elezioni del 25 settembre rinviando a dopo ogni soluzione. Rischiamo – prosegue il sindacalista – un ‘autunno freddo’ che potrebbe mettere a rischio troppe industrie e troppi posti di lavoro. Non fare nulla ora, significa far pagare ai lavoratori gia’ in difficolta’ le criticita’ delle imprese, e come sindacato non lo accettiamo”. “Ogni forza politica – e’ il richiamo della Fim – abbandoni le convenienze tattiche del momento e contribuisca a varare un piano nazionale condiviso sull’energia. Facciamo appello anche alle parti e associazioni datoriali maggiormente coinvolte, per avviare subito un confronto diretto e condividere misure di opportuna flessibilita’ che salvaguardino il lavoro e preservino la capacita’ produttiva delle imprese metalmeccaniche”.

Servizio Precedente

Bollette - Confcommercio, a rischio 120mila imprese e 370mila posti nel terziario

Prossimo Servizio

UE: AL VIA IL NUOVO SISTEMA DI AIUTI

Ultime notizie su Economia