Qualche “concessione” in più per il Natale: spese scaglionate fino a tardi, spostamenti tra regioni

17 Novembre 2020
Lettura 1 min

Scordatevi un Natale come gli altri, ripetono a dirci. Questo si è capito, ma è pur sempre Natale e l’alienazione da mancato contatto però non è un problema secondario come non lo è specialmente per le zone rosse e arancioni, il calo dei fatturati delle attività commerciali che in questo periodo possono portare fieno in cascina e prendere respiro.

Pare infatti che il Governo stia ripensando alle misure di contenimento, e dovrebbe decidere numeri permettendo entro la scadenza dell’ultimo dpcm, ovvero il 3 dicembre. Una concessione tra tutte potrebbe essere la possibilità di spostarsi tra regioni per raggiungere i propri cari.

Altro tema sul tavolo è l’allungamento degli orari dei negozi, per evitare affollamenti, lasciando la serranda aperta fino alle 22 o le 23. In discussione anche un coprifuoco fino alle 24, un numero chiuso di ingresso nei centri commerciali.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Cerca di salvare l’amico runner che poi muore: multato perché fuori Comune

Prossimo Servizio

I repubblicani contrari a ritiro truppe di Trump

Ultime notizie su Economia

Italia fuori dalla Via della Seta

Dopo i dubbi espressi a più riprese dal governo e dalla premier Giorgia Meloni in particolare, l’Italia esce dalla ‘Belt and road interview’, meglio nota come ‘Nuova Via della Seta’, l’ambizioso progetto lanciato ufficialmente dal
TornaSu

Don't Miss