Po ai minimi da 30 anni. A rischio il 30% della produzione nazionale. Mancano solo le cavallette…

22 Marzo 2022
Lettura 1 min

Il fiume Po è sceso di 3,3 metri a Nord, toccando i minimi dello stesso periodo degli ultimi 30 anni con rischi per colture e allevamenti. A lanciare l’allarme la Codiretti in occasione della Giornata mondiale dell’acqua. La siccità nella pianura padana, spiega la Coldiretti, minaccia oltre il 30% della produzione agricola nazionale, fra pomodoro da salsa, frutta, verdura e grano, e la metà dell’allevamento. A preoccupare è anche l’innalzamento dei livelli del mare in Italia con l’acqua salata che sta già penetrando nell’entroterra bruciando le coltivazioni nei campi e spingendo all’abbandono l’attività agricola. Per risparmiare l’acqua e aumentare la capacità di irrigazione Coldiretti sollecita la realizzazione di una rete di bacini di accumulo con basso impatto paesaggistico e diffusi sul territorio, privilegiando il completamento e il recupero di strutture già presenti, progettualità già avviata e da avviarsi con procedure autorizzative non complesse, in modo da instradare velocemente il progetto e ottimizzare i risultati finali. “L’idea – sottolinea il presidente dell’associazione Ettore Prandini – è di ‘costruire’ senza uso di cemento per ridurre l’impatto l’ambientale laghetti in equilibrio con i territori, che conservano l’acqua per distribuirla in modo razionale ai cittadini, all’industria e all’agricoltura, con una ricaduta importante sull’ambiente e sull’occupazione”.​

Foto di Paolo Comai

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

VERDE E’ POPOLARE: REFERENDUM ONLINE SUL NOME, ROTONDI “NUOVI SFONDI MA RESTA SCRITTA DC”

Prossimo Servizio

Polizia Postale, attenti alle raccolte fondi via web per Ucraina

Ultime notizie su Economia

Ultimatum Giorgetti sul superbonus

di Cassandra – La politica ha le sue liturgie ma una cosa è certa. Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, deve far quadrare i conti. E, come riporta il Corrierone, afferma che “Il
TornaSu