Peste suina – Primi stop all’export di carne da Asia e Svizzera. Siamo solo all’inizio. In gioco 1,7 miliardi di euro

Lettura 3 min

Arrivano i primi preoccupanti stop alle esportazioni di salumi e carni suine made in Italy. A bloccare precauzionalmente gli acquisti dall’ Italia di prodotti dopo la scoperta dei primi casi di peste suina africana sono Cina, Giappone, Kuwait a cui Taiwan e Kuwait, a cui si aggiungono anche quelle della vicina Svizzera. Lo ha riferito ieri Confagricoltura che nelle scorse ore ha convocato proprio sul tema la sua Giunta nell’ ottica di fare il punto sui casi accertati e sulle prime misure adottate sui mercati e a livello europeo. Lo si legge sull’Eco di Bergamo.

Un problema di ordine sanitario che rischia di provocare un danno irreparabile per il tessuto produttivo ed economico legato alla filiera suinicola, in particolare per la produzione di prosciutti DOP e IGP che, da Parma a Norcia, rappresentano il fiore all’occhiello del Made in Italy. Cia-Agricoltori Italiani esprime la sua viva preoccupazione per l’allarme che potrebbe avere un impatto devastante su un settore strategico dell’agricoltura nazionale, inficiando anni di lavoro dedicato alla qualità delle produzioni, alla sicurezza dei consumatori e al benessere degli animali. Le autorità competenti di Giappone e Taiwan hanno già disposto il blocco dell’import di carni suine italiane e si temono ulteriori manifestazioni di ostilità commerciale. Attualmente, l’export di salumi e carni suine si attesta su 1,7 miliardi di euro (+12,2% rispetto al 2020). Principali tipologie di prodotti esportati sono prosciutti stagionati, disossati, speck, coppe e culatelli. Nonostante la grande preoccupazione, Cia ribadisce che le misure di bio-sicurezza degli allevamenti italiani hanno standard molto elevati, che verranno ulteriormente rafforzate nelle prossime settimane per tutelare le aziende zootecniche, a rischio di tracollo nella malaugurata ipotesi di focolai. 

 Malgrado non ci sia alcun caso di contaminazione della popolazione suina, Cia chiede alle istituzioni di mantenere alto il livello di allerta e si rammarica della scellerata gestione del problema della fauna selvatica da parte dei nostri decisori politici, all’origine di questo grave allarme sanitario. Da anni, infatti, Cia si batte per ottenere un’efficace politica di contenimento degli ungulati, che danneggiano pesantemente le coltivazioni e invoca interventi specifici a difesa dalla proliferazione dei cinghiali, principale vettore di trasmissione della PESTE SUINA. I numeri parlano chiaro: 2 milioni di ungulati in circolazione, oltre 200 milioni di danni all’agricoltura e 469 incidenti, anche mortali, in quattro anni. In particolare Cia, con il progetto “Il Paese che vogliamo”, ha lanciato la proposta di una riforma urgente della legge 157/92 per fronteggiare seriamente il problema degli ungulati in Italia. La riforma conta su alcuni punti chiave: sostituire il concetto di “protezione” con quello di “corretta gestione”, parlando finalmente di “carichi sostenibili” di specie animali nei diversi territori; non delegare all’attività venatoria le azioni di controllo della fauna selvatica, ma prevedere la possibilità di istituire personale ausiliario; rafforzare l’autotutela degli agricoltori e garantire il risarcimento integrale dei danni subiti. 

Servizio Precedente

ORSI TRENTINO. LA PROCURA VUOLE ARCHIVIARE, L’OIPA PRESENTERÀ OPPOSIZIONE. LA BATTAGLIA A DIFESA DEI PLANTIGRADI CONTINUA

Prossimo Servizio

Ugl Scuola: scuola aperta ma senza mezzi necessari

Ultime notizie su Economia