Pensioni, muro contro muro a vertice governo-sindacati. Cgil-Cisl-Uil: No a ritorno graduale a Fornero

Lettura 1 min

Clima teso al tavolo tra il premier Mario Draghi e i leader sindacali di Cgil, Cisl e Uil. La manovra al centro del confronto, a quanto si apprende da fonti sindacali, non raccoglie il favore dei sindacati mentre sulle pensioni, come largamente atteso, il dialogo si è tradotto in una sorta di braccio di ferro. Al centro il no di Cgil Cisl e Uil ad un ritorno alla legge Fornero seppure dilazionata negli anni; no dunque a quota 102 sì invece ad un pensionamento flessibile dai 62 anni di età con 20 anni di contribuzione minima. 

Servizio Precedente

Il Nord non baratti per dei like le proprie ragioni

Prossimo Servizio

Irruzioni neonaziste su Zoom. Perquisiti 8 ragazzi

Ultime notizie su Economia