NON E’ FINITA. IL GAS PUO’ SALIRE ANCORA

23 Novembre 2022
Lettura 1 min

La proposta Ue sul price cap al gas, 275 euro per megawattora secondo l’indice Ttf, è stata messa a punto per essere “pronti per il prossimo anno” e “tenendo conto del fatto che la situazione estrema” dei prezzi “come quella che si è verificata tra marzo e agosto potrebbe ripresentarsi”.

Lo ha detto la commissaria europea per l’Energia, Kadri Simson, in conferenza stampa, riferisce l’Ansa.

“La stessa situazione e le stesse circostanze di agosto potrebbero ripetersi, nelle nostre analisi quindi abbiamo visto qual è il tipo di livello di prezzo che dobbiamo praticare per stabilizzare la situazione e quali siano i rischi che dovremo affrontare l’anno prossimo”.

“Sappiamo che l’Ue paga prezzi molto elevati per il gas” e nonostante i prezzi siano scesi “restiamo esposti a delle dinamiche speculative” sui costi dell’energia. “Il nostro non è un intervento regolativo per fissare il prezzo del gas ma un meccanismo di ultima istanza che scatta” a certe condizioni e comunque “quando il prezzo predefinito del gas supera i 275 euro per megawattora per due settimane”. 

“Il limite di 275 euro a megawattora per il gas scambiato al Ttf e’ stato calcolato sullo scenario che abbiamo visto ad agosto e vogliamo evitare che si offrano scenari simili. Dobbiamo essere pronti a circostanze estreme”, ha spiegato ancora Simson sottolineando che “la proposta deve tenere conto delle preoccupazioni per la sicurezza delle forniture e il tetto deve essere alto abbastanza” da evitare un “aumento dei consumi di gas” in Europa.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Grimoldi: Bossi sarà a evento di domenica del Comitato Nord

Prossimo Servizio

L’amaro del capo. Le promesse di Matteo non pigliano pesci

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu