Mattarella: l’UE non si rinchiuda in se stessa

Lettura 1 min

di Carlo Andreoli – “È importante che l’Ue aperta non si richiuda in una visione miope che consideri solo gli effetti più contingenti della crisi ma che al contrario guardi al futuro, fuori da veti o da difese di corto respiro”. Con queste parole il Presidente Mattarella lancia l’avvertimento a Bruxelles,  durante la cerimonia del Ventaglio. 

Fa piacere che il Capo dello Stato sottolinei il ruolo cruciale che l’Europa deve svolgere in questo delicato momento, ma una domanda sorge spontanea: non dovremmo essere più tranquilli dopo il grande risultato ottenuto in Europa? Il Recovery fund non doveva essere la risposta a tutto? Cosa dobbiamo temere?

Forse il Presidente della Repubblica ha ben chiaro lo scenario europeo rispetto a Conte e compagnia bella, ed è consapevole che  ciò che è stato “ottenuto” al Consiglio Europeo  non è nulla di concreto e certo. Segnali di questa incertezza sono stati dati qualche giorno fa dallo stesso Ministro Gualtieri. 

Infatti in commissione Banca e Finanze, incalzato da Bagnai, non ha saputo dare risposte sui vincoli d’interesse e sul diritto di prelazione di questi prestiti sovranazionali.
Il Capo dello Stato è consapevole che se l’UE sbaglierà con l’Italia in questo frangente, si potrà dire addio ai cari “sogni europei “
.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Ancora mascherina. Lombardia, obbligo fino al 10 settembre

Prossimo Servizio

TikTok, Trump pronto a intervenire sulla App

Ultime notizie su Economia