Mastercard blocca istituti finanziari dopo le sanzioni

Lettura 1 min

La multinazionale americana di servizi finanziari Mastercard ha bloccato diversi istituti dalla sua rete di pagamento per conformarsi alle sanzioni internazionali imposte alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. La societa’ con sede a New York ha dichiarato che continuera’ a “lavorare con le autorita’ di regolamentazione nei prossimi giorni per adempiere pienamente ai nostri obblighi” in relazione alle sanzioni. “Data l’emergenza in corso, stiamo anche lavorando con i nostri partner per dirigere i finanziamenti e gli aiuti umanitari dove possono avere il maggiore impatto”, ha affermato il Ceo Michael Miebach in una nota.

Mastercard destinera’ 2 milioni di dollari a Ong come la Croce Rossa o Save the Children e a un fondo di assistenza ai dipendenti per gli aiuti umanitari. “L’invasione delle forze militari russe (in Ucraina) durante l’ultima settimana e’ stata devastante per il popolo ucraino. I nostri pensieri continuano a essere rivolti alle persone colpite”, ha sottolineato Miebach.

La societa’ ha infine assicurato che si adoperera’ per garantire la sicurezza del sistema dei pagamenti globali e della propria rete: “I nostri team di Cybernetics and Intelligence e Corporate Security stanno lavorando con governi e partner di tutto il mondo per garantire la stabilita’, l’integrita’ e la resistenza dei nostri sistemi, che funzionano normalmente.

Servizio Precedente

LA TREGUA SECONDO PUTIN – Convoglio di oltre 60 km di mezzi militari russi in marcia verso Kiev

Prossimo Servizio

L’esperto di servizi segreti russi. “Errori tattici e politici nelle mosse di Putin”

Ultime notizie su Economia