Mancato accordo in Europa? L’Italia ha più forestali del Canada, il Nord che paga per tutti, manager da 70mila al mese, truffe su terremoti, camici, mascherine…

/
Lettura 4 min

di Luigi Basso – E niente. Il Governo italiano e la stragrande maggioranza degli italiani proprio non vogliono capire.
Anche questa mattina, sul mancato accordo in seno al Consiglio Europeo sul Recovery Fund, tocca leggere montagne di falsità, a cominciare dai post su Facebook del Premier Giuseppi che se la prende con l’Olanda che si sarebbe messa di traverso per non siglare un accordo già fatto: si, certo, come no?
Abbiamo scritto in decine di occasioni come stanno le cose e val la pena fare un riassunto domenicale a prova di analfabeta funzionale.
1) l’UE non è uno Stato Federale;
2) il Parlamento Europeo non è l’assemblea legislativa della UE;
3) la Commissione Europea non è l’esecutivo della UE e la Von Der Leyen non è l’omologa di Trump o Putin;
4)l’UE è una organizzazione internazionale come tante altre;
5) gli Stati entrati nella UE sono stati nazionali che non hanno rinunciato alla propria sovranità che, difatti, mantengono intatta (infatti si può sempre uscire dalla UE e dall’euro);
6) gli Stati UE non hanno alcun obbligo giuridico di dare soldi all’Italia o a chicchessia per far fronte a stati di emergenza;
7) non esiste alcuna norma dei Trattati UE che imponga di creare un Fondo da destinare a fondo perduto o senza condizioni ai bisogni di Stati membri della UE;
8) sono previste in alcuni Trattati misure di sostegno a Paesi in crisi, ma solo dietro precise garanzie e condizioni, tipo il MES;
9) la Bce sta violando i Trattati europei per aiutare l’Italia a tenere ai minimi gli interessi sui titoli (che sono BBB-, cioè un gradino sopra la spazzatura) che dovrebbero essere alle stelle: ciononostante i rendimenti dei magnifici BOT italici sono più alti di quelli greci;
10) l’Italia è l’unico Stato membro UE che ha più forestali del Canada, che ha carrozzoni mantenuti da decenni con le tasse di quella minoranza che produce, che foraggia super manager pubblici da 70.000 euro al mese, che costruisce ponti non a norma, che regala beni pubblici succosi ai privati e li ricompra quando sono spolpati, che ha 600.000 baby pensionati dopo 14 anni 6 mesi e 1 giorno di lavoro, che ha quota 100, che ha visto truffe colossali sui terremotati, sugli alluvionati, sui malati di cancro, e, da ultimo, persino sulle mascherine in piena epidemia Covid, che ha una classe politica tutta invischiata in torbide vicende di riciclaggio spaziando da chi è accusato di aver preso soldi dal Venezuela a chi li avrebbe presi dai Russi passando per chi è finito nei guai per le proprie Fondazioni Bancomat utilizzate come paravento per eludere le norme sulla trasparenza del finanziamento dei partiti.


Insomma, in un quadro del genere solo dei pazzi darebbero soldi gratis ad uno Stato dove ladri e mafiosi spadroneggiano, senza controlli, senza garanzie, ma così, allegramente, perché in Italia ci sono gli Uffizi, il Colosseo, la torre di Pisa e la pizza buona.
Gli italiani parassiti si accontentino dei contribuenti del Nord Italia: non ci sono al mondo altri fessi così imbecilli.
Si facciano bastare i loro soldi.

Servizio Precedente

Reguzzoni: potessimo votare anche noi su tasse, vitalizi, immigrazione come in Svizzera

Prossimo Servizio

Salvini: "Traditi da Ue a cui diamo 200 miliardi". E il Nord dei 110 miliardi di residuo fiscale, senza autonomia da chi è stato tradito?

Ultime notizie su Economia