Ma perché la ruspa di Matteo ha tolto di mezzo lo sconto sulle accise?

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Niente più sconto sui prezzi dei carburanti dal primo gennaio. Il governo non ha prorogato lo sconto di circa 18 centesimi su benzina e gasolio. Il Codacons parla di una maggiore spesa di 9,15 euro a pieno. Su base annua parliamo di 219,6 euro in più.
Questa l’informazione sintetica del Sole 24 ore.
Si impone una domanda.
Magari sbagliamo, ma un leader ruspante oggi ministro durante le ultime due campagne elettorali non aveva promesso che le accise sui carburanti sarebbero state eliminate al primo consiglio dei ministri?
A quanti CDM ha partecipato, lui o i suoi fedelissimi senza toccare palla sulle accise?
Dal primo gennaio decadono i timidi sconti sulle accise decisi dal governo precedente che, per inciso, è stato fatto cadere, tra gli altri, dal suddetto leader ruspante.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Ratzinger e Benedetto, il santo dei Liberi comuni, nati al Nord

Prossimo Servizio

Più tasse per tutti. Aumenti fino a 2.435 euro a famiglia. L’inflazione ingrassa l’Iva. La “gabola” del pedaggio al casello Milano-Nord o Tangenziale ovest

Ultime notizie su Economia