L’Italia di Conte e Draghi, Di Maio e Salvini. Niente soldi per i ristori ma 105 detenuti col reddito di cittadinanza

Lettura 2 min

Cashback, reddito di cittadinanza, lotteria degli scontrini…. Ristori zero, esercenti in piazza, ristoratori senza una lira da un anno. Ristoranti chiusi, negozi serrati, altri aperti…. L’Italia di Conte e Draghi, le scelte politiche a corrente alternata, un paese sulla soglia della povertà e della disperazione mentre il reddito di cittadinanza va alla grande. La guardia di finanza di Torino, in collaborazione con l’Inps, ha scoperto e denunciato 105 soggetti detenuti in istituti di pena o loro familiari, che hanno irregolarmente richiesto e percepito il Reddito di cittadinanza mediante l’omessa comunicazione all’Inps, entro il termine di 2 mesi dall’avvenuta carcerazione, dell’intervenuta variazione della composizione del nucleo familiare.L’approfondimento investigativo, condotto dai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria Torino nei confronti dei soggetti in stato di reclusione presso la casa circondariale ‘Lorusso e Cotugno’ del capoluogo piemontese, ha consentito di individuare, attraverso l’incrocio delle banche dati in uso alla Guardia di Finanza ed i successivi riscontri anagrafici, una vasta platea di soggetti beneficiari che avevano avuto indebitamente accesso al Reddito di cittadinanza e continuavano a percepirlo, arrecando un danno complessivo alla finanza pubblica di 430mila euro.

I soggetti individuati sono stati segnalati a 14 uffici giudiziari, insistenti nelle Regioni di residenza di Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, per aver attestato fatti non corrispondenti al vero, utilizzato dichiarazioni o documenti falsi e omesso informazioni dovute, in particolare non aver comunicato la variazione del nucleo familiare. Contestualmente, sono stati segnalati all’INPS, con cui il Corpo agisce in costante sinergia e collaborazione, per la revoca del sussidio e il recupero del beneficio economico nonché alla Procura Regionale della Corte dei conti per gli eventuali profili di danno erariale.Tra i denunciati figurano anche soggetti detenuti per reati quali associazione per delinquere, traffico e spaccio di stupefacenti, rapina, estorsione e furto, nonché violenza sessuale, pornografia minorile e maltrattamenti in famiglia.

Servizio Precedente

I Tajani della Padania. Contro Malpensa. Contro il Made in Italy

Prossimo Servizio

Il balletto politico (della morte) su Astrazeneca

Ultime notizie su Economia