L’INDUSTRIA E IL LAVORO CHE CAMBIA

Lettura 3 min


di Gigi Cabrino – Il vicepresidente di Confindustria Maurizio Stirpe in un’intervista al sole 24 ore si è soffermato sulla trasformazione del mondo del lavoro.
“Il nostro è un sistema già pronto e orientato ad andare verso un’accelerazione delle procedure di rinnovo dei contratti. In questo momento anche considerando i contratti scaduti da meno di 12 mesi, abbiamo un tasso di rinnovo intorno al 95%. Nel 5% che rimane ci sono situazioni che presentano incrostazioni che contiamo entro fine anno di poter rimuovere, in collaborazione con le associazioni di categoria”.


E sulle innovazioni portate da industria 4.0 osserva Stirpe:
“Il minimo comune denominatore di Industria 4.0 e della transizione digitale ed energetica sarà quello di spostare il focus da un rapporto di lavoro di tipo quantitativo a un rapporto di lavoro di tipo qualitativo: “non sarà più importante la quantità ma la qualità delle ore che si lavorano. E la parte più importante sarà il risultato che si ottiene. È una rivoluzione in fieri ma nel giro di qualche anno questi aspetti prenderanno il sopravvento. Non è solo un tema del sindacato. È tutto il mondo del lavoro che deve fare un grosso sforzo per cogliere le opportunità che ci sono dietro le evoluzioni del mercato del lavoro. Tutti i processi in atto – ha sottolineato Stirpe – portano sempre più a una logica di partecipazione all’interno delle aziende, secondo cui si condividono gli obiettivi e gli strumenti per raggiungerli. Ma questo può avvenire se esiste armonia. In generale ci dobbiamo dimenticare un sistema di relazioni industriali basato sul conflitto per accedere a un sistema basato sulla condivisione”.


E sul salario minimo “Il sistema delle relazioni industriali in Italia ha puntato molto sulla contrattazione collettiva tant’è che noi abbiamo l’80% dei lavoratori coperti dai contratti collettivi nazionali di lavoro. La direttiva europea sul salario minimo non si riferisce sicuramente al mercato del lavoro italiano, ma è evidente che è un tema che non ci appassiona perché i nostri minimi sono bene al di sopra della soglia dei 9 euro lordi individuata. Non è un tema che potrebbe creare problemi alla Confindustria, ma andrebbe poi creata una modulazione tra livello del reddito di cittadinanza, salario minimo, Tem e Tec. Per di più in Italia esiste già una sorta di salario minimo perché quando il giudice affronta una controversia legale fa riferimento al minimi retributivi e contributivi di una legge del 1989 che contiene già la fissazione dei minimi retributivi e contributivi”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Come sempre, vita al Nord più cara. Con lo stesso stipendio del resto d'Italia. Ma in campagna elettorale non si può dire?

Prossimo Servizio

Credo che arrivi il conto. Il Nord non cambia con le stesse facce da 30 anni

Ultime notizie su Economia