Landini, Green Pass sul lavoro? Spero sia stato il caldo

Lettura 1 min

 “Spero che sia il caldo”. Maurizio Landini, segretario della Cgil, commenta cosi’ la proposta di Confidustria sul Green pass obbligatorio nei luoghi di lavoro, in un’intervista alla Stampa. Poi spiega: “In questo anno di pandemia i lavoratori sono sempre andati in fabbrica in sicurezza. Rispettando i protocolli e le norme di distanziamento. Non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce”. Il leader della Cgil aggiunge: “Certamente una scelta di questo tipo la puo’ compiere solo il governo. I lavoratori sono stati i primi, durante la pandemia, a chiedere sicurezza arrivando addirittura allo sciopero per ottenerla. Io mi sono vaccinato e sono perche’ tutti si vaccinino – dice -. Ma qui, diciamolo, siamo di fronte a una forzatura. Non va mai dimenticato che i lavoratori sono cittadini e hanno i diritti e i doveri di tutti i cittadini. Confindustria, piuttosto, si preoccupi di far rispettare gli accordi contro i licenziamenti”.

Servizio Precedente

Cosa saremmo senza le cattedrali? Trova la differenza tra Notre Dame, San Marco, Instagram e Tik Tok

Prossimo Servizio

CASSANDRE - Crisanti, Inghilterra? Prevedo 100 morti al giorno

Ultime notizie su Economia