La prova provata che non siamo capaci di spendere i soldi del Pnrr. Sala: Avevo detto che occorreva dare fondi a chi era capace

29 Marzo 2023
Lettura 1 min

 La dichiarazione del ministro Fitto sul Pnrr e’ una dichiarazione di resa . Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, intervenendo in un punto stampa al Parlamento europeo di Bruxelles. “Il fatto che il governo arriva gia’ adesso, mancando molto tempo al giugno 2026, a dire che una parte dei fondi del Pnrr non saranno spesi, e’ una cosa grave. Abbiamo fatto il racconto degli ultimi due anni in Italia dicendo che il Pnrr avrebbe rivoluzionato il Paese. La dichiarazione di Fitto suona come una dichiarazione di resa”, ha detto. 

“Un paio di settimane fa abbiamo avuto un incontro fruttuoso con il ministro Fitto, che ha chiesto ai sindaci italiani di realizzare quella che ha definito come un’operazione verita’. Per non rischiare di perdere i fondi, ci ha chiesto di indicare quello che avremmo potuto fare e quello che non sarebbe stato possibile fare, per poi effettuare una ridistribuzione”, ha ricordato Sala.

“L’Italia, prima del Covid, spendeva 5 miliardi all’anno, a livello centrale e attraverso i ministeri. Quella spesa non era legata solo alla disponibilita’ dei fondi, ma anche alla capacita’ di realizzazione degli prima del Covid, spendeva 5 miliardi all’anno, a livello centrale e attraverso i ministeri.  Quella spesa non era legata solo alla disponibilita’ dei fondi, ma anche alla capacita’ di realizzazione degli appalti . Un governo saggio, quando si trova a passare da 5 a 220 miliardi di euro di fondi, decide di darne di piu’ alle realta’ locali che hanno la capacita’ di investirli”, ha aggiunto.

“Quando dico di dare piu’ fondi a Milano sembra un provocatore, ma non lo sono. Ho una serie di progetti nel cassetto che, se mi fossero finanziati, avrei dovuto la capacita’ di realizzarli prima di giugno 2026. Ho detto molte volte che non credo che il nostro Paese riuscira’ a investire tutti i fondi del Pnrr, proprio per una capacita ‘di spesa delle stazioni appaltanti. Ma, dato che abbiamo ancora tempo, l’operazione verita’ dovrebbe essere estesa a tutti ei fondi dovrebbero essere dati a chi li sa investire”, ha concluso.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Terremoto in Molise di magnitudo 4,6

Prossimo Servizio

L’autorità anticorruzione: nuovi appalti, in secondo piano trasparenza e concorrenza

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o
TornaSu

Don't Miss