Italiani mai così ricchi e torna lo spettro della patrimoniale, lo dice il TgCom

26 Maggio 2020
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Riportiamo una “notizia” del TgCom24 che mi era sfuggita ieri sera, secondo cui gli italiani non sono mai stati così ricchi grazie al Coronavirus. Oggi invece si parla di un -24% del PIL italiano.
C’è qualcosa che non torna tra i “professionisti dell’informazione”?

Nel servizio la giornalista dichiara: sembra un paradosso ma i dati forniti da… non voglio neanche continuare la citazione.

Il motivo di questo servizio? Ma è semplice, rabbonire le persone, rassicurandole se mai non riuscissero a farsi due conti in tasca, sulla patrimoniale in arrivo prevista a breve, molto dolce ed essenziale per lo Stato.

Infatti se guardate il video capite bene dove si vuole andare a parare.
E’ sicuramente vero che una parte degli italiani, alcuni fortunati a reddito fisso, principalmente statali, hanno sicuramente speso di meno in questo periodo di lockdown, ma vogliamo parlare di tutti gli altri?

Ennesima prova del giornalismo dei “professionisti dell’informazione” questa volta marchiato Tgcom24.


Fonte

https://www.tgcom24.mediaset.it/2020/video/coronavirus-dopo-la-quarantena-italiani-mai-cosi-ricchi_18710403.shtml?fbclid=IwAR31sKuWmHnJtNw8VnLR3-qGlsF8sB-9Tifk2PLFNqkjdRWHO5bV00zukpE

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Lezioni di autonomia e impresa – La Provincia di Bolzano: test gratis per i turisti

Prossimo Servizio

Il Pil precipita: meno 24%. Persi procapite 21.600 euro

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss