Italia post Covid. Crollano acquisti benessere. -14% da 2018

Lettura 1 min

L’emergenza Covid-19 ha fatto sentire i propri effetti anche sugli acquisti degli italiani di prodotti e servizi per il benessere, scesi nell’ultimo anno a 37 miliardi di euro, segnando un -14% rispetto ai 43 miliardi del 2018 (rilevazione: ottobre 2018), mentre la spesa pro-capite è passata da circa 1.300 euro a 1.200 euro annui (-7%).

Questa la principale evidenza che emerge dal Rapporto sull’Economia del Benessere 2020, come riporta adnkronos, seconda edizione dell’indagine Philips realizzata da DOXA a giugno di quest’anno per analizzare stili di vita, abitudini e tendenze di consumo di 4.000 italiani su alimentazione, attività fisica, cura del corpo, gestione dello stress e igiene del sonno Tengono solo gli acquisti per la gestione dello stress (4,8 mld in linea con i 4,9 mld del 2018) e del sonno (2,1 mld, in crescita rispetto agli 1,8 mld del 2018).

Le quote più consistenti restano dedicate alla sana alimentazione (14,9 mld contro i 17,5 mld spesi nel 2018), alla cura del corpo (8,6 mld vs 10,2 mld nel 2018) e all’attività fisica (7,1 mld vs 8,6 mld nel 2018), si legge nel Report. .

Servizio Precedente

Il sogno babilonese, venerdì a Ventimiglia

Prossimo Servizio

Gli Stati Uniti vanno a fuoco. Come mai gli incendi si fermano al confine con il Canada?

Ultime notizie su Economia