In fuga dall’Italia per lavoro. Veneto e Lombardia in testa. Destinazione Regno Unito e Germania

Lettura 2 min

Chi ha lasciato l’Italia per l’estero da gennaio a dicembre 2020 lo ha fatto prevalentemente dal Centro-Nord (69,5%), con Lombardia e Veneto ferme nelle prime due posizioni. Lo rileva il nuovo Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes della Cei, presentato oggi. Come messo in rilevo già da qualche anno – si legge nel Rapporto – la Lombardia guida con 19.402 (17,7%), seguita dal Veneto con 12.346 (11,3%) partenze. Tutte le regioni, ad esclusione dell’Umbria (+44 unità), presentano, però, saldi negativi nell’ultimo anno a causa del Covid. La regione che, in valore assoluto, registra il saldo negativo maggiore è il Veneto (-2.762), seguito da Lombardia (-2.534), Campania (-1.801), Calabria (-1.789) e Puglia (-1.686). Al contrario, la Basilicata è la regione che ha perso meno residenti (-24), seguita da Val D’Aosta (-101) e Molise (-164). Degli oltre 109 mila connazionali che hanno spostato la loro residenza dall’Italia all’estero lungo il corso del 2020, il 78,7% lo ha fatto scegliendo l’Europa come continente. “Probabilmente, nota il Rapporto – la vicinanza della meta di destinazione è stata una sorta di strategia di contenimento dei rischi a cui si andava incontro e non solo per la possibilità di contrarre il virus, quanto piuttosto per le condizioni del sistema sanitario del luogo prescelto e delle indicazioni ivi adottate”.

Nel loro complesso, le destinazioni scelte lungo il corso del 2020 sono state 180 e, tra le prime dieci, ben sette sono nazioni europee. Ai primi posti, come accade ormai da diversi anni, vi sono il Regno Unito (33.293), la Germania (13.990) e la Francia (10.562) che, da sole, coprono il 52,8%. Se a queste aggiungiamo la Svizzera (8.189), che quest’anno, diversamente dal 2020, precede il Brasile (7.077), mentre l’incidenza “europea” sul totale nelle prime posizioni arriva al 60,3%. 

Servizio Precedente

Unimpresa, depositi sopra i 20mila euro. È effetto Covid

Prossimo Servizio

La ricchezza è destinata a crescere nel mondo, ma deve combinarsi al lavoro. Da noi è così?

Ultime notizie su Economia