Imprese al centro della politica UE, lo chiedono industriali italiani e francesi

6 Giugno 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Gli industriali italiani e francesi firmano un memorandum in vista del rinnovo delle istituzioni europee.
Rinforzare la cooperazione tra le aziende italiane e francese per rilanciare il futuro dell’Europa. Si è concluso a Parigi il vertice tra Confindustria e la sua omologa francese Medef (Mouvement des entreprises de France).

A pochi giorni dalle prossime elezioni europee (6-9 giugno) le principali associazioni di categoria italiane e francesi per quanto riguarda le imprese, hanno siglato un accordo comune con lo scopo di coordinare le loro richieste per rafforzare la posizione delle aziende europee, giudicate fondamentali per il futuro dell’Ue.
Così l’agenzia eunews.it
A firmare la dichiarazione congiunta, frutto del sesto forum economico italo-francese, sono stati Emanuele Orsini, presidente di Confindustria e Patrick Martin, presidente di Medef. Uno dei primi aspetti che si chiede alla nuova eurolegislatura d’affrontare è l’eccessiva regolamentazione, per cui servirebbe un intervento dell’Ue volto a semplificare il quadro normativo. Al riguardo Confindustria e Medef hanno giudicato positivamente le conclusioni di Enrico Letta nel report sul mercato unico europeo e attendono quello di Mario Draghi che dovrebbe essere pubblicato a fine giugno. Il momento complicato con la guerra alle porte dell’Unione europea ha spinto Bruxelles a rivedere le proprie priorità. In quest’ottica le associazioni di categoria delle imprese italiane e francesi, per supportare la produzione militare hanno chiesto la creazione di un “mercato comune per l’industria della sicurezza e della difesa”.
Giudicato fondamentale per la prosperità futura dell’Ue è l’attuazione di uno “shock sugli investimenti” così da rendere maggiormente competitive le aziende europee. Confindustria e Medef, nello specifico, chiedono “un grande Fondo Sovrano Europeo in grado di mobilitare fino a 500 miliardi di investimenti privati”. L’Ue inoltre dovrebbe sostenere le imprese europee preferendo l’acquisto, a parità di prezzo e qualità, di tecnologia proveniente dai Ventisette Paesi e non da competitors come Cina e Stati Uniti. Un altro punto saliente è la richiesta di abbracciare la neutralità tecnologica e sostenere attivamente la produzione di energia nucleare insieme a tutte le altre fonti verdi.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

LA CARTA DI CHIAVARI -INCONTRO EUROPEO TRA MOVIMENTI PIEMONTESI E VALDOSTANI CHE GUARDA AL NORD

Prossimo Servizio

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

Ultime notizie su Economia

La “solita” procedura d’infrazione?

di Gigi Cabrino – Era prevista ed è arrivata.La commissione UE ha avviato una procedura di infrazione contro Italia, Francia e altri cinque paesi: Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. Nella valutazione
TornaSu