IL “PIANO MATTEI” DEL GOVERNO RISCHIA DI BLOCCARSI SULLE INFRASTRUTTURE

25 Gennaio 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – La premier Meloni, in visita in Algeria, ha annunciato l’aumento delle importazioni di gas algerino ed ha annunciato un grande “Piano Mattei” per il Mediterraneo e l’Africa.
La rivista economica Money.it ha riportato le parole dell’ad di ENI Claudio Descalzi secondo cui la mancanza di infrastrutture in Italia rischia di bloccare questo ambizioso piano
“Alla fine quello che si dovrebbe creare nella mente della presidente del Consiglio da qui al 2027 (quando scade il suo mandato) è un’Italia ponte tra un Mediterraneo ricco di fonti di energia e un nord Europa che ha bisogno di gas e idrogeno in maniera stabile e a prezzi bassi”.


Secondo l’ad di Eni Claudio Descalzi, però, per rendere il piano efficiente l’Italia deve prima risolvere “il collo di bottiglia” nei gasdotti che sono sul nostro territorio, in particolare nel Centro. Altrimenti il Piano Mattei resta solo “un grande potenziale che non si esprime”.


La “strettoia” dei gasdotti attraverso la dorsale adriatica, tra Campania, Abruzzo e Molise, consente infatti il passaggio al massimo di 126 milioni di metri cubi al giorno di metano. Snam ha lanciato un apposito piano di espansione, ma si attende ancora l’ok di Arera, l’Autorità italiana per l’energia.

Contemporaneamente Meloni pensa a nuovi rigassificatori al Sud, andando contro eventuali proteste dei sindaci, come successo a Piombino con il “suo” primo cittadino di Fratelli d’Italia. Anche su questo sta lavorando Arera”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Infermieri, in Europa pagati il 40% in più

Prossimo Servizio

Benzinai. Lo sciopero è già finito. Ma il governo interverrà sugli extraprofitti?

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss