Giorgetti: la stagione del tempo indeterminato è finito. Giovani devono avere coraggio avviare una attività

6 Dicembre 2021
Lettura 1 min

“Se stiamo li’ ad aspettare il posto di lavoro a tempo indeterminato come l’abbiamo conosciuto nella storia, questo andra’ a scomparire. Al netto delle tante assunzioni che stiamo facendo – il collega Brunetta ha escogitato dei meccanismi totalmente innovativi di reclutamento anche nella Pa – se stiamo ad aspettare i posti di lavoro creati dallo Stato, abbiamo sbagliato a capire: lo sviluppo e lo sviluppo economico e’ strettamente legato all’effervescenza delle attivita’ imprenditoriali”. Lo ha detto il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ad un dibattito sul lavoro ad Atreju 2021. “L’importante e’ che ci svincoliamo da un concetto di sviluppo economico che e’ quello degli anni Settanta e Ottanta, che non c’e’ e non ci sara’ piu’ e cominciamo a immaginare uno sviluppo economico 4.0 e 5.0 degli anni 20, 30 e 40”, ha detto Giorgetti. “Non dobbiamo rimanere legati a delle forme di lavoro che sono superati dalle condizioni che ci impone il mercato e la globalizzazione. L’Italia e’ cercata in tutto il mondo, quindi abbiamo margine di export pazzeschi, tutti vogliono venire in Italia, dobbiamo portarli qui. Quello che dobbiamo ricreare – ha sottolineato – e’ un ambiente che stimoli lo spirito imprenditoriale: la nostra gente e i nostri giovani devono avere il coraggio di rischiare, mettersi in gioco e avviare un’attivita’. E’ la sola ricetta che ci puo’ garantire sviluppo per il futuro”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Inversione di marcia – La spesa si sposta dal web ai negozi per 6 italiani su 10

Prossimo Servizio

Piattaforma social Trump, regolatori federali indagano su società partner

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o
TornaSu

Don't Miss