Giorgetti: Basta burocrazia per frena gli investimenti esteri. Da governo piano per scongiurare recessione

Lettura 2 min

“L’attrazione degli investimenti esteri consentirà, inoltre, di individuare opportunità alternative per la risoluzione di crisi aziendali e il rilancio delle aree industriali del Paese maggiormente in difficoltà”. Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, in audizione alla Camera sul dl aiuti, avvertendo però che “una volta verificato l’interesse di chi vuole investire in Italia, dobbiamo evitare che ostacoli burocratici scoraggino chi porta capitali e progetti nel nostro Paese, come troppo spesso avvenuto, anche negli scorsi mesi”. Si inserisce in questo quadro “la previsione di cui all’art. 30 che conferisce al Ministero dello sviluppo economico il potere sostitutivo in caso di inutile decorso del termine per la conclusione dei procedimenti relativi ad investimenti per il sistema produttivo nazionale di valore superiore ai 50 milioni di euro”, spiega il ministro. 

L’intervento del governo a sostegno delle imprese, contenuto nel decreto aiuti, è “un tassello che si inscrive in un quadro in continua evoluzione” considerato che “il contesto in divenire, e l’incertezza che lo caratterizza, impone, infatti, di monitorare e reagire tempestivamente ai mutamenti che dovessero intervenire nel quadro economico”. Il Mise, ha aggiunto Giorgetti, “coerentemente con la sua missione istituzionale, continuerà a farlo raccogliendo le sollecitazioni degli stakeholder e gli spunti che lo stesso Parlamento vorrà offrire”.

Il decreto Aiuti prevede la costituzione di un fondo da 130 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese che hanno subito ripercussioni economiche negative ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico. “Sono fondamentali politiche di sostegno dell’offerta del sistema produttivo, in particolare per gli investimenti privati”, ha aggiunto Giorgetti

Servizio Precedente

Letta e il proporzionale: Serve legge elettorale che rappresenti chi vota

Prossimo Servizio

MEDICI IN FUGA DAGLI OSPEDALI: AD ALESSANDRIA IL TRISTE PRIMATO

Ultime notizie su Economia