Giappone propone alternativa al 5G cinese. Gran Bretagna aderisce e boicotta la discussa rete

1 Dicembre 2020
Lettura 1 min

Il Giappone fa il botto e propone una nuova e alternativa banda larga che può bypassare le reti internet di quinta generazione (5G).

E Tokyo non è solo, la Gran Bretagna è pronta a boicottare il 5G e con una partnership con la nipponica Nec pensa ad una propria banda larga del futuro.

Come ricorda Asia News, “La dichiarazione è arrivata subito dopo che il ministro britannico per il Digitale, Oliver Dowden, ha comunicato la decisone del governo di proibire l’acquisto di tecnologia Huawei per il 5G nazionale; il bando scatterà dal settembre 2021”.

“Nec e Rakuten sono due nuovi concorrenti per Huawei. Finora solo la finlandese Nokia e la svedese Ericsson hanno presento sistemi 5G alternativi a quello cinese. In Asia le due compagnie europee sono state scelte da Taiwan e Singapore per la loro banda larga di quinta generazione”.

Photo by James Yarema

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Padre Cervellera, Messa Natale? Problema è lo Stato che gestisce anziché servire il cittadino

Prossimo Servizio

Federalismo fiscale? I 5Stelle: “Tranquilli, lo abbiamo rinviato al 2023”

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu

Don't Miss