GERMANIA: PROTESTA DEI COMMERCIANTI CONTRO OBBLIGO PER LO SHOPPING. VENDITE GIU’ DEL 60%

14 Maggio 2021
Lettura 1 min

 Appuntamento e tampone negativo sono diventati i requisiti base per lo shopping in store, pensati come soluzione efficace per il rilancio del commercio al dettaglio. Tuttavia, se si analizzano i dati sul consumo, i rimedi sopra citati non appaiono sensati ne’ dal punto di vista economico ne’ da quello di sostegno alla ripresa: infatti, le perdite nette registrate nel 2021 hanno ridotto il fatturato di almeno il 50% rispetto al 2019. Con un bilancio intermedio cosi’ critico, l’associazione di categoria tedesca del commercio HDE (Handelsverband) sottolinea che, a causa dei Lockdown e delle chiusure forzate, il traffico commerciale al dettaglio nei primi cinque mesi del 2021 e’ diminuito di un valore pari a 40 miliardi di euro in confronto allo stesso intervallo di tempo pre-pandemia.

Se da un lato, quindi, la ‘nuova normalita” rialza il morale degli esercenti, dall’altro, le regole per lo shopping appaiono in contrasto con il principio di efficienza economica: gli acquisti con obbligo di tampone hanno generato una perdita media del 60% sul fatturato rispetto al 2019, mentre quelli su appuntamento hanno ridotto le entrate di circa il 50%. A consuntivo, un terzo del fatturato e’ andato perso a causa delle limitazioni d’accesso della clientele ai punti vendita. In aggiunta, si intensificano anche le paure della maggioranza degli esercenti nel settore abbigliamento (53%) che, senza ulteriori aiuti statali, temono la chiusura definitiva della propria attivita’ nel 2021. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Caso Gregoretti – Oggi si decide per rinvio a giudizio di Salvini

Prossimo Servizio

La Grecia riparte: oggi attesi 40 voli per stagione turistica, sabato altri 110

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu

Don't Miss