Germania, piano di tagli in edifici e stop a insegne

Lettura 2 min

Temperatura massima di 19 gradi per il riscaldamento negli edifici pubblici a partire dal 1 settembre. Mentre corridoi, foyer ed aree di transito resteranno senza riscaldamento. Con il calore limitato fino a a 12 gradi dove i dipendenti svolgono un lavoro fisico intenso. La Germania, che teme una carenza di gas in conseguenza delle tensioni in corso con la Russia visto il conflitto in corso in Ucraina,ha varato una serie di misure per risparmiare energia, invitando privati e imprese a seguire l’esempio. “Non vogliamo misurare le temperature nelle camere da letto, e la liberta’ individuale deve valere, ma le misure chiamano alla responsabilita’ delle famiglie di contribuire’ alla riduzione dei consumi energetici”, ha spiegato il ministro dell’Economia, Robert Habeck. 

 Il pacchetto di misure varato dal governo federale di Olaf Scholz per il risparmio energetico prevede che le attivita’ commerciali non possano tenere aperte le porte se all’interno il negozio e’ riscaldato, per non disperdere calore ed energia. Mentre l’illuminazione notturna degli edifici sara’ vietata, con le insegne luminose che verranno spente tra le 22 e le 6. Ospedali e istituzioni sociali saranno esentati da queste misure. Le misure decise mercoledi’ dovrebbero consentire di ridurre del 2% il consumo di gas in Germania. “Cio’ significa che abbiamo ancora molta strada davanti a noi”, ha avvertito Habeck dato che viene stimato la Germania dovrebbe ridurre i propri consumi del 20% per sfuggire al rischio carenza di energia quest’inverno. “Senza una partecipazione generale delle imprese ma anche della popolazione – ha insistito – non risparmieremo abbastanza gas“. 

Foto di鏡飛 匙su Unsplash

Servizio Precedente

Mutti: Serve intervento d'urgenza, aziende sole nel prendere di petto i rialzi del gas

Prossimo Servizio

Google, fake news: in arrivo nuovo algoritmo contro clickbait

Ultime notizie su Economia