Flat tax che non è flat tax. Marattin: le 18 aliquote di Matteo

Lettura 1 min


di Gi. Ca. – Il cavallo di battaglia della Salvini premier in questa campagna elettorale è la flat tax, l’aliquota unica. Per la verità lo era anche per le politiche del 2018 ma nonostante la Lega sia stata al governo per più di metà legislatura non c’è stato niente di simile, a parte una proposta di legge depositata al Senato.
Sul tema interviene Luigi Marattin, deputato di Italia Viva, economista e presidente della commissione finanze della Camera. A quanto pare la flat tax proposta dalla Salvini premier tutto è tranne flat.
“La flat tax è solo uno slogan di chi pensa che gli italiani possano essere presi in giro: se andate a leggere la proposta leghista (Atto Senato 1831), non contiene una sola aliquota ma addirittura 18. Eppure continuano a usare il termine “flat tax” a mo’ di prodotto pubblicitario, però ingannevole. La nostra proposta sul fisco – prosegue Marattin – è ripartire dalla delega fiscale, alla quale ho lavorato negli ultimi due anni, e impostare una riforma sistemica e radicale, visto che l’ultima risale a mezzo secolo fa.”

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Piemonte, settimana corta a scuola per il caro bollette. La mano sinistra a Torino non sa cosa fa la mano destra in Regione. E viceversa

Prossimo Servizio

La lettera - Aderenti, Rete 22 Ottobre: L'autonomia fuori dal dibattito di tv e giornali

Ultime notizie su Economia