Federazione Autonoma Piccole Imprese: nuovo lockdown contro l’Italia ma attendiamo vaccino, l’unica alternativa

16 Agosto 2020
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Il mondo della piccola impresa è stato sicuramente quello che ha subito, in maniera più vistosa e preoccupante, gli effetti del Lockdown e la blanda ripresa successiva, creando molti disagi ad imprenditori e dipendenti che hanno dovuto rivisitare la propria attività e modificarne profondamente la struttura. In un clima di profonda incertezza.

Oggi, come riporta LaPresse, Gino Scotto, presidente della FAPI, la Federazione Autonoma delle Piccole Imprese, rilascia questa dichiarazione, contro il lockdown ma decisamente “pro-vax”: “Chi ipotizza un nuovo lockdown o di rinviare l’avvio dell’anno scolastico, è contro l’Italia. Bisogna convivere con il virus, adottando tutte le misure previste dai protocolli, in attesa che arrivi il vaccino. È questa l’alternativa possibile ad un nuovo terremoto economico e sociale, che davvero il nostro Paese non può permettersi

Già, un terremoto sociale che probabilmente sarà inevitabile, vaccino o meno, se guardiamo i dati del PIL e le previsioni autunnali.
E a novembre, molti dipendenti sanno che difficilmente vedranno rinnovato il loro contratto di lavoro.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Hockey. Capitano nazionale israeliana firma per la squadra di Auschwitz. Bufera su di lui in patria: sei un traditore

Prossimo Servizio

Annullato il Palio di Siena. Ma non fermano giostre e quintane. I cavalli non hanno diritti?

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss