ETICHETTE VINO: UN ESEMPIO CHIARO DI CIÒ CHE L’EUROPA NON DEVE ESSERE

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Quante volte ci siamo lamentati del fatto che l’Europa è assente o quasi in politica estera mentre si occupa di norme talmente illogiche? Dalla regolamentazione dell’etichettatura del vino in Irlanda che potrebbe causare problemi per l’export del nostro vino è intervenuta Confagricoltura col suo presidente Giansanti.
“Siamo particolarmente preoccupati per la deriva proibizionistica che il settore vitivinicolo europeo sta affrontando. La Commissione non ha ascoltato le riserve che l’Italia, con altri numerosi Stati membri, ha manifestato per opporsi alle misure introdotte dalla normativa irlandese creando un grave precedente e un potenziale ostacolo al commercio interno”.


È questo il commento del presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, alla notizia della non opposizione odierna allo schema di regolamento irlandese inerente l’etichettatura delle bevande alcoliche che era stata notificato dall’Irlanda alla Commissione lo scorso mese di giugno.


“Il progetto di regolamento – nota Confagricoltura – introduce l’obbligo di riportare messaggi sanitari relativi al cancro, alle malattie del fegato, alle donne in gravidanza nell’etichettatura e presentazione di tutte le bevande alcoliche, vini inclusi, immesse nel mercato domestico”.


“Il Governo italiano è stato il primo a trasmettere un parere circostanziato alla Commissione europea per manifestare la propria contrarietà a questa misura, che costituisce un pericoloso precedente per altre iniziative simili che potrebbero eventualmente essere presentate da altri Paesi”.


“Occorre contrapporre a queste decisioni l’evidenza che è solo l’abuso di alcol, e non il consumo moderato, a poter determinare effetti nocivi sulla salute – conclude il presidente di Confagricoltura Giansanti – soltanto con strumenti di prevenzione ed educazione al consumo consapevole è possibile evitare i fenomeni dell’alcolismo”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

La bidella pendolare e la scuola del precariato davanti ad un Nord muto o farfugliante. A quando concorsi su base territoriale?

Prossimo Servizio

Boni versus Calenda

Ultime notizie su Economia