Estate 2021, rincari post Covid fino al 15,4%

14 Agosto 2021
Lettura 1 min

 L’estate 2021 “e’ segnata da pesanti rincari delle strutture ricettive, con hotel, b&b, resort e case-vacanza che hanno adeguato al rialzo i listini al pubblico rendendo sempre piu’ salati i pernottamenti degli italiani”. E’ la denuncia del Codacons, che diffonde i risultati di una indagine sui costi legati alle strutture ricettive italiane per l’estate 2021 e sottolinea : “A tale situazione si aggiunge un drastico cambiamento nelle politiche tariffarie di molte strutture, che offrono la possibilita’ ai propri clienti di disdire fino all’ultimo le prenotazioni, pagando pero’ un salato surplus”. A guidare la classifica degli aumenti, secondo l’associazione dei consumatori sono villaggi vacanze, campeggi e ostelli, “che hanno rincarato le tariffe al pubblico mediamente del +15,4% – analizza l’associazione – Forti aumenti anche per pensioni e affittacamere (+6%), mentre gli alberghi hanno applicato rincari mediamente del +4%”. A questi dati, fanno notare dal Codacons, “occorre aggiungere gli aumenti ‘occulti’ delle tariffe praticati da case-vacanza e strutture che offrono la possibilita’ di disdire le prenotazioni senza penali in caso di rinuncia al pernotto (ad esempio per cause imputabili al Covid, come contagi, quarantene e isolamenti)”. Chi sceglie sistemazioni che prevedono la possibilita’ di rimborso, denuncia ancora l’associazione dei consumatori, “si ritrova a pagare per una camera o un appartamento fino al 100% in piu’ rispetto alla stessa sistemazione ‘non rimborsabile'”. Il Covid, fa notare l’associazione, “ha stravolto le politiche tariffarie di hotel, b&b e case-vacanza. Oggi quasi tutte le strutture ricettive offrono ai propri clienti la possibilita’ di disdire le prenotazioni senza alcuna penale, riconoscendo il rimborso integrale agli utenti anche in caso di cancellazione a ridosso della data del soggiorno: una possibilita’ che si e’ resa indispensabile a causa dell’incertezza causata dalla pandemia e dei limiti agli spostamenti imposti in caso di contagio, ma che viene fatta pagare a caro prezzo agli utenti, con il costo di una camera o di una sistemazione in resort o villaggi vacanze che arriva a raddoppiare qualora l’ospite opti per la rimborsabilita’ della prenotazione”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ferragosto, povero Nord…

Prossimo Servizio

Musumeci, tamponi e sbarchi. Diritti uguali per tutti. Magari…

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu