Estate 2020? Crollo prenotazioni del 45% ma abbiamo preferito le vacanze in Italia

29 Settembre 2020
Lettura 2 min

Come è andata la stagione partita solo a giugno, col rischio di non sapere fino a quando sarebbe durata? Per cominciare va registrato il calo delle prenotazioni del 45% rispetto allo stesso periodo del 2019. È quanto emerge da un’analisi condotta da Volagratis.com, che sottolinea però come nell’estate della ripartenza i migliori clienti delle località del Bel Paese siano stati gli italiani stessi, che per il 2020 hanno scelto di rimanere tra i confini nazionali nel 54% dei casi, segnando un aumento di 18 punti percentuali rispetto allo scorso anno, quando a rimanere in Italia era il 36% dei viaggiatori. Giugno ha segnato tuttavia un -54% di prenotazioni probabilmente dovuto anche all’incertezza della riapertura delle regioni, avvenuta il 3 giugno. Luglio è stato invece il mese con la ripresa più significativa, segnando -32% verso lo scorso anno, grazie anche alle prenotazioni degli hotel che sull’estate hanno segnato una crescita del 9% rispetto al 2019. Trionfano le vacanze last-minute con prenotazioni di 12 giorni più vicine alla partenza rispetto al 2019, quando sicuramente c’era più tranquillità nell’organizzare in anticipo le vacanze. Per quanto riguarda la tipologia di viaggiatori emergono poche differenze rispetto al 2019, ma Volagratis.com segnala in crescita la quota di viaggi individuali, passata dal 38% al 42%. Le famiglie nel 46% dei casi scelgono di partire ad agosto, così come le coppie (50%).

 Il mare ha fatto registrare il 66% delle prenotazioni (contro il 58% dello scorso anno) con Sicilia, Sardegna, Puglia e Riviera Romagnola tra le mete preferite. A dimostrarlo sono soprattutto le prenotazioni ‘solo hotel’: oltre ad essere state le meno intaccate dalla crisi, mostrano una Top 10 al 100% italiana, nel 50% dei casi con destinazioni marittime e una crescita su base annua di tutte le destinazioni nelle prime dieci posizioni, ad eccezione di Roma che scende del 34%. Le vacanze più scelte in questo caso sono quelle lungo la Riviera Romagnola, destinazione in crescita del 44% rispetto al 2019. A seguire Sicilia, Puglia e Sardegna, che tuttavia si confermano tra le mete più scelte di questi mesi e crescono rispetto allo scorso anno rispettivamente del 47%, 70% e 111%. Tra le destinazioni dell’estate italiana spuntano anche la Liguria (+52% di prenotazioni rispetto al 2019, e le destinazioni di montagna come il Trentino Alto Adige (+60%) con Madonna di Campiglio, Bolzano, Arco e Canazei. In molti inoltre hanno scelto hotel sul Lago di Garda (+148%), in Toscana (+162%) o sulla Riviera Veneta (+80%).

Anche per quanto riguarda le prenotazioni ‘solo voli’ Volagratis.com ha riscontrato un grande interesse per l’italia: in questo caso a guidare la Top 10 delle destinazioni più raggiunte è Milano; perdono posizione Londra, Barcellona e Parigi, mentre al loro posto spiccano le isole e il sud Italia con Catania, Palermo, Olbia, Alghero, Brindisi, Lamezia Terme e Bari. Catania risulta essere l’aeroporto più gettonato della Sicilia, seguito da quelli di Palermo e di Lampedusa, mentre Olbia, Cagliari e Alghero sono quelli di riferimento per la Sardegna.

Per l’estero sono state preferite le isole greche (come Creta, Rodi, Zante, Santorini, Corfù) e spagnole, con le Baleari (Maiorca, Ibiza, Minorca) e Barcellona. Spiccano anche Malta e Amsterdam.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Europarlamento ignorato: autorizzazione al commercio di soia OGM per alimenti. E’ tollerante al Glifosato

Prossimo Servizio

Non ci sono solo gli sbarchi, vero? Cassa integrazione: “L’aspettiamo da aprile”

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu

Don't Miss