Di Battista: Spiegatemi una cosa, nuovo lockdown e ancora non avete approvato decreto di gennaio da 32 miliardi di aiuti?

15 Marzo 2021
Lettura 1 min

In un lungo post su facebbok, Alessandro Di Battista ne ha per tutti….

!Da oggi, lunedì 15 marzo, gran parte dell’Italia è, di fatto, in lockdown. Eppure, al momento, non è stato ancora approvato il decreto sui ristori relativi allo scostamento di bilancio da 32 miliardi di euro varato lo scorso 20 gennaio. Spieghiamo bene questa cosa dato che la stragrande maggioranza dei media ed i partiti che si sono colpevolmente genuflessi al nuovo Messia non lo fanno. Quei 32 miliardi sono stati accantonati per contenere le perdite che famiglie e imprese hanno registrato per le restrizioni di novembre, dicembre e gennaio. Le chiusure natalizie hanno messo all’angolo milioni di italiani ragione per la quale, il governo Conte II, ha effettuato l’ultimo scostamento. Adesso Draghi parla di un nuovo scostamento. Staremo a vedere. Intanto è oltremodo vergognoso che sia stato indetto un nuovo lockdown senza prima aver sostenuto economicamente tutte quelle categorie colpite dall’ultimo lockdown. Da 55 giorni 32 miliardi di euro sono fermi. Ci sono persone che non possono più aspettare. Io vedo un allargamento della povertà senza precedenti. I benestanti di ieri sono i poveri di oggi e la classe politica troppo concentrata sulle prossime elezioni credo non se ne sia adeguatamente resa conto”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’Ema: Moderna e Pfizer-Biontech efficaci con varianti

Prossimo Servizio

Aifa sospende Astrazeneca in tutta Italia

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss