Cresce la preoccupazione per la spesa energetica

Lettura 1 min

Tra le principali preoccupazioni sul futuro a breve, il 33,4% delle famiglie indica la crisi energetica con il connesso aumento di bollette e carburanti, il 26% il surriscaldamento globale e quasi il 21% l’aumento dell’inflazione. Ulteriori preoccupazioni, infine, vengono dal conflitto in corso in Ucraina. Questi i principali risultati che emergono dal rapporto “Outlook Italia – Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2022” realizzato da Confcommercio in collaborazione con il Censis, e presentato oggi in occasione del Forum Confcommercio-Ambrosetti. Secondo il Rapporto, infatti, il 27% delle famiglie teme un coinvolgimento di altre nazioni, il 26,6% ritiene che possa trasformarsi in una guerra mondiale anche con l’uso di armi nucleari, il 23,4% è preoccupato per le ripercussioni economiche sull’economia del nostro Paese, il 16,9% teme il taglio delle forniture di gas da parte della Russia con le conseguenti difficoltà nei settori produttivi, il 6,1% infine si dichiara preoccupato per l’impatto economico dell’emergenza umanitaria determinata da milioni di profughi ucraini in arrivo in Europa.

Servizio Precedente

Green Golden Architecture, la salvaguardia ambientale sposa l’architettura. La tecnica Feng Shui

Prossimo Servizio

Le prime Giornate Regionali del Veneto “Semina Gentilezza”. Il 29, 30 aprile e 1 maggio

Ultime notizie su Economia