Consumi fragili ad aprile, c’è paura del futuro

6 Giugno 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Secondo i dati Istat, dopo un marzo in leggero miglioramento i consumi di aprile tornano a mostrare una certa fragilità.
Commentando i dati Istat sulle vendite al dettaglio di aprile, il direttore dell’Ufficio Studi, Mariano Bella, ha sottolineato che i “consumi di beni restano fragili e, dopo il dato odierno, il tema diventa un problema serio per le prospettive di crescita dell’intera economia italiana che, comunque, resta in buona salute, almeno per adesso. Potrebbero non bastare turismo e servizi per far quadrare i conti con il target di variazione del PIL attorno all’1%. Il dato sulle vendite di aprile è peggiore delle attese (per gli alimentari: -7,3% il tendenziale grezzo contro la nostra previsione di -4,3%)”. Per le vendite nel complesso, anche al netto della diversa tempistica della Pasqua, il confronto annuo si conferma pesantemente negativo (-1,7% il dato destagionalizzato).

“A volere essere ottimisti – ha osservato Bella – a tutti i costi, si può rilevare che la riduzione delle vendite, sia congiunturale sia tendenziale, è in larga misura attribuibile al solo comparto alimentare. Ma ciò resta di scarsa consolazione stante sia il peso del comparto sia il riflesso negativo che ha sull’andamento dei fatturati delle imprese, non solo quelle piccole. La generale debolezza dei consumi si vede anche dalle dinamiche delle vendite per i diversi formati, con discount e commercio elettronico con valori in crescita. Una configurazione che tradisce una generalizzata ricerca di convenienza di prezzo”.

Secondo il direttore dell’Ufficio Studi, “i modesti miglioramenti sul versante del reddito disponibile, indotti dalla crescita dell’occupazione e dall’attenuarsi delle dinamiche inflazionistiche, non sembrano aver ancora prodotto effetti sulle decisioni di acquisto delle famiglie. È possibile che una scossa favorevole venga, oltre che dai rinnovi contrattuali, anche dall’avvio di una politica monetaria meno restrittiva e in grado di liberare risorse per i consumi e per gli investimenti”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

Prossimo Servizio

Meloni: Obiettivo una nuova diversa maggioranza in Europa

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu