Confesercenti, 27mila negozi a rischio chiusura entro l’anno

Lettura 1 min

Bollettino di guerra. Dopo la sequenza drammatica delle vittime il Covid lascia sul campo di battaglia posti di lavoro e attività commerciali. La crisi innescata infatti dalla pandemia travolge il commercio legato all’abbigliamento. Secondo Confesercenti circa 27mila negozi di abbigliamento e calzature rischiano di chiudere entro l’anno. La stima si basa sul crollo di aperture di nuove attività – nella moda calate del 70% nei primi sei mesi dell’anno – e degli elevati rischi di chiusura rilevati dall’Istat, che coinvolgono un terzo delle imprese.

“Una tendenza negativa – spiega Confesercenti – che insiste su un settore già debilitato: dal 2015 al 2019 le consistenze si sono già ridotte del 6%, per un saldo di 8mila e 400 imprese in meno”. Le sofferenze del settore sono state acuite dal lockdown. Nei primi cinque mesi dell’anno le vendite sono crollate del -36% sullo stesso periodo del 2019, con picchi negativi di oltre -83% (-89% per le calzature) in aprile, quando solo i negozi online e per bambini erano attivi.

“Si palesa la perdita di un’intera stagione primavera-estate e si verificano anche forti accumuli di scorte. Se non si interviene per sostenere il settore, falcidiato dalla crisi, a fine anno mancheranno all’appello oltre 22mila imprese del commercio di abbigliamento e quasi 5mila di calzature”.

Photo by Carl Raw

Servizio Precedente

Zangrillo: virus non è sparito ma malattia è cambiata

Prossimo Servizio

Caso camici: per la procura una chat tra Dini e centrale acquisti Lombardia esclude la donazione

Ultime notizie su Economia