Confcommercio, vendite: siamo ancora dentro al tunnel, va male

7 Ottobre 2020
Lettura 1 min

“Il netto recupero registrato dalle vendite ad agosto dopo lo stop di luglio va accolto con favore, ma senza entusiasmi. Il vuoto di domanda che si e’ generato a marzo e aprile e’ ancora lontano dall’essere recuperato e la ripresa congiunturale non coinvolge tutti i settori e le tipologie distributive. Per molti comparti l’anno rischia di chiudersi con diminuzioni a due cifre e conviene, comunque, ricordare che l’indice delle vendite riguarda i beni e non i servizi che pesano circa la meta’ del totale consumi e su cui si addensano le maggiori perdite, come nell’importante filiera turistica”.

Questo il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati sulle vendite al dettaglio ad agosto diffusi oggi dall’Istat. “Non vanno neanche trascurati – continua la nota – gli effetti che potrebbe avere l’esplosione del commercio elettronico (+30% nei primi otto mesi dell’anno) sul sistema distributivo e sulla configurazione delle citta’. Per evitare l’implosione e la desertificazione dei centri urbani e’ piu’ che mai necessario, in questa fase, attuare un precorso di sostegno agli investimenti e alla formazione del personale delle piccole e medie imprese nella direzione dell’innovazione e della digitalizzazione, operazioni perfettamente finanziabili attraverso le risorse di matrice europea per la ripresa e la resilienza”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Diamoci alla Tarantella…

Prossimo Servizio

Stato emergenza, questa volta Camera approva risoluzione governo

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu

Don't Miss