Confcommercio: Dov’è la tutela delle microimprese per il prezzo dell’energia? E il cuneo fiscale?

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Il presidente di Confcommercio in una intervista rilasciata alla stampa ha commentato la manovra economica appena approvata, la prima del governo Meloni.
“Siamo di fronte a un impianto prudente e difensivo. Prudente nel ricorso al disavanzo, difensivo nella scelta di concentrare i margini di manovra sul contrasto del caro energia Prudenza necessaria- osserva Sangalli- visti sia l’impatto sul costo del servizio del debito pubblico delle scelte monetarie della Bce, sia l’annuncio della riduzione nel suo portafoglio di titoli di Stato. E concentrazione anch’essa necessaria, considerato, per esempio, che per le imprese del terziario il costo dell’energia elettrica e del gas può arrivare nel 2022 a quota 40 miliardi, contro i 13 del 2021. Ma prudenza e concentrazione significano anche che occorrerà fare di più. Perché si rafforzano i crediti d’imposta energetici, ma la sterilizzazione degli oneri generali di sistema nel settore elettrico – che concorrono per circa un quarto al costo complessivo della bolletta – è stata limitata alle utenze con potenza disponibile fino a 16,5 kW, escludendo così gran parte del sistema produttivo. Si tratta, inoltre, di misure riferite al solo primo trimestre del 2023. Il che rende ancora più urgenti le azioni strutturali di livello europeo per il contrasto del caro-energia”.


E sull’attenzione alle imprese continua: “Alcune scelte urgenti si potevano e si possono fare senza pesare sui conti pubblici: dalla proroga, almeno per tutto il 2023, della fine della maggior tutela di prezzo per le forniture di energia alle microimprese, a quella delle disposizioni emergenziali del periodo pandemico sulla riduzione del capitale sociale per perdite e sulla sospensione degli ammortamenti, fino all’introduzione della possibilità di ammortamenti di lungo periodo dei costi energetici. Così come si può fare di più anche per la riduzione del cuneo fiscale e contributivo sul costo del lavoro e per valorizzare strutturalmente welfare aziendale e welfare contrattuale”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Presidenzialismo, il contrappeso non è il decentramento ma il federalismo e la vera autonomia

Prossimo Servizio

DEMOCRAZIA DI INCAPACI E CORROTTI – Grazie agli e(lettori) e alla stampa da una sveltina e via. L’opposto dell’epistocrazia. Oleggio docet

Ultime notizie su Economia