Confcommercio, dal governo una riforma incompiuta

Lettura 3 min

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di Confcommercio commentano l’incontro a Palazzo Chigi tra governo e associazioni di categoria.
“Sul piano del metodo, vi è la necessità di un percorso di lavoro strutturato tra Governo e parti sociali per affrontare le sfide aperte in un periodo difficilissimo che richiede scelte europee comuni ed efficaci su politica energetica, riforma del Patto di stabilità e crescita, messa a terra del PNRR tra emergenza energia ed emergenza inflazione”: sono le parole di Donatella Prampolini, vicepresidente di Confcommercio.
““il rinnovo dei provvedimenti in scadenza richiede, per il solo primo trimestre 2023, circa 20 miliardi – quindi – i margini sono stretti, anche alla luce del crescente costo del servizio del debito pubblico. Ma va fatto ogni sforzo, va ottimizzato ogni intervento: in Europa e nel nostro Paese”.


Commentando poi il pacchetto energia la vicepresidente di Confcommercio ha evidenziato “che la possibilità di rateizzazione delle bollette da parte delle imprese e l’incremento della produzione nazionale di gas naturale destinabile a prezzi accessibili ai clienti finali, non sia riservata ai soli clienti industriali”.
“Positivo” l’innalzamento dell’importo esente da imponibile fiscale e contributivo per le misure di welfare aziendale e per le somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro per il pagamento di utenze domestiche del servizio idrico, dell’energia elettrica e del gas, anche se “limitato al solo 2022”. Per le microimprese, “vanno inoltre prorogati al 31 dicembre 2024 i termini per la fine della tutela di prezzo nel mercato al dettaglio dell’energia elettrica” e “serve una verifica dell’impatto di filiera delle nuove regole per il superbonus”.


In generale “crescita e produttività sono i temi centrali nel confronto tra Governo e parti sociali e dunque occorre fare il punto sulle riforme e sugli investimenti necessari, a partire dal ‘cantiere’ del PNRR e dalla verifica dell’impatto sul Piano degli andamenti dei prezzi delle materie prime e dei prezzi energetici”.
Infine “occorre agire sul versante della riduzione del cuneo fiscale e contributivo, della detassazione degli aumenti contrattuali, del welfare aziendale, della sostenibilità dei nuovi ammortizzatori sociali più inclusivi, ma anche più onerosi. E per valorizzare la contrattazione collettiva realmente rappresentativa del mondo delle imprese e del lavoro anche come soluzione della questione del salario minimo”.

Servizio Precedente

La Commissione Ue blinda l'Italia: Navi Ong come le altre. Obbligo di salvare vite

Prossimo Servizio

Rai, di tutto, di più. "Cacciare" Montesano ma andare in Qatar, paradiso dei "diritti". Passando per la grammatica

Ultime notizie su Economia