Confapi Milano: “Subito deroga al codice degli appalti e liquidità alle imprese, come in Germania”

2 Aprile 2020
Lettura 1 min

“Occorre lanciare subito in Italia, la cui economia era già  fiaccata prima dell’avvento del Coronavirus, un piano immediato senza precedenti di protezione del nostro Paese, delle nostre aziende e dei nostri lavoratori attraverso il sostegno finanziario alle imprese private di ogni dimensione: piccole e medie; affinché le stesse possano salvaguardare i posti di lavoro.
Occorre intervenire subito, senza ulteriori esitazioni, con liquidità  immediata, diretta, senza burocrazia e senza intermediazione, come ha fatto immediatamente la Germania già lo scorso 21 marzo con un programma di sostegno economico senza precedenti.

Sono state messe subito a disposizione delle imprese liquidità sui conti correnti in modo proporzionale rispetto alle dimensioni aziendali.” A dichiararlo Nicola Spadafora Presidente di Confapi Milano.


“Vista l’eccezionalità della situazione occorre sin d’ora ipotizzare alla ripresa delle attività d’intervenire anche sulla semplificazione della PA – ha aggiunto  il manager dell’Area Sviluppo di Confapi Milano, Antonio Maria Leonetti, in particolare con l’obiettivo di far realizzare strutture e e acquisire servizi in deroga all’attuale codice degli appalti”.

Nella foto d’apertura, a sinistra Area Manager Confapi, Antonio Maria Leonetti, alla sua destra Nicola Spadafora, il presidente Confapi Milano

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ma quali hacker! Sito Inps in tilt, “ora i danni su privacy li pagherà lo Stato”

Prossimo Servizio

EMERGENZA, SERVE UN MIRACOLO – Quel capo della Protezione Civile calabrese che si dimette perché “Non so cos’è un ventilatore”. Al suo posto arriva a interim il nipote di Natuzza Evolo

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu

Don't Miss