CONFAGRICOLTURA: BENE IL DL  AGRICOLTURA, ADESSO COLLABORAZIONE SU CAPORALATO, FILIERE E AGROENERGIE

8 Luglio 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Il DL Agricoltura è stato convertito in legge e da parte delle associazioni agricole si esprime soddisfazione per avere visto accolte le proposte avanzate in occasione dei confronti col governo.

Numerose, a giudizio di Confagricoltura, le misure contenute nel disegno di legge di conversione del DL Agricoltura – approvato oggi in Senato – di sostegno al settore primario, volte a contrastare i danni legati al cambiamento climatico e a rafforzare le filiere italiane. Bene l’ampliamento della moratoria su mutui e finanziamenti per le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura – che hanno subito un calo del volume d’affari o una riduzione della produzione – e l’importante proroga al 31 dicembre 2025 della sperimentazione in campo delle TEA.

Essenziali gli aiuti previsti in favore delle imprese che hanno registrato perdite a causa dei fenomeni siccitosi e di quelle che hanno subito danni alle produzioni di kiwi. Importante l’incremento della dotazione del “Fondo di solidarietà̀ nazionale”, con 40 milioni di euro alle produzioni vitivinicole per i danni da peronospora e lo stanziamento di 30 milioni di euro per contenere l’emergenza Xylella.

Importante segnale, inoltre, l’intervento sui ristori per gli effetti delle frane nelle Regioni Emilia-Romagna, Toscana e Marche.

Particolarmente soddisfacente l’approccio al caporalato. Il Decreto introduce, infatti, rilevanti disposizioni di contrasto al fenomeno e promuove un’evoluzione qualitativa del lavoro agricolo. Positive le misure introdotte per migliorare l’attività di analisi e monitoraggio finalizzata a fornire maggiori garanzie sui contratti di appalto in agricoltura. Tuttavia, sarà necessario, in sede di attuazione, tenere conto delle differenti tipologie di imprese coinvolte per non incorrere in oneri burocratici eccessivamente gravosi.

Quanto alle modifiche introdotte alla normativa su “Granaio d’Italia”, la Confederazione ne apprezza la semplificazione, auspicando la valorizzazione dei prodotti cerealicoli italiani attraverso intese di filiera.

Sul fronte delle agroenergie, asset strategico per la transizione ecologica, Palazzo della Valle plaude alle misure introdotte per garantire la continuità̀ produttiva agli impianti di biogas e biometano alimentati con biomasse agricole, con l’estensione della portata applicativa dei prezzi minimi garantiti.

Con riguardo al fotovoltaico, Confagricoltura avrebbe auspicato alcune aperture sulla produzione di energia da parte delle imprese agricole e, in materia fiscale, una maggior flessibilità sulla tassazione degli impianti a terra oltre i limiti previsti.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Paolo Franco: Autonomia targata Lega non azzera il residuo fiscale del Nord. Prof. Giovanardi ha ragione: Se si abolisce la legge, si aprono subito le trattative Stato-Regione

Prossimo Servizio

Patrioti è il terzo gruppo al Parlamento europeo. Tra i vicepresidenti, Salvini mette Vannacci

Ultime notizie su Economia

TornaSu