Cala il reddito disponibile per le famiglie. Italia, tutta tasse e distintivo

Lettura 1 min

Italia, tutta tasse e distintivo. Buocrazia e divieti, ritardi e scaricabarile. Peccato che il ceto medio sta sparendo e che la capacità di spesa gli vada dietro. Nel 2020 il reddito disponibile lordo delle famiglie residenti in Italia ha subito infatti una flessione (-2,8%) meno intensa di quella segnata dalle attività produttive, beneficiando delle politiche economiche adottate dal governo per mitigare l’impatto della crisi. La flessione del potere d’acquisto è di intensità simile (-2,6%).

Lo rileva il Rapporto Sdgs 2021 di Istat, dedicato al monitoraggio dei Sustainable Development Goals, i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, per il nostro Paese, in particolare per quanto riguarda il Goal 10 (ridurre le disuguaglianze). Nel 2019 si riduce sensibilmente il numero dei nuovi permessi di soggiorno, che si attestano a 177.254, il 26,8% in meno rispetto al 2018.

La contrazione interessa tutte le motivazioni all’ingresso ma a scendere di più, come nell’anno precedente, sono i permessi rilasciati per richiesta di asilo (-47,4%). La tendenza al calo degli ingressi si è inevitabilmente accentuata nel 2020 in presenza delle chiusure temporanee dei confini. Nei primi 6 mesi del 2020 sono stati concessi a cittadini non comunitari circa 43mila nuovi permessi di soggiorno (meno della metà del primo semestre 2019). Numeri che fanno riflettere per chi invece parla solo di sbarchi e invasioni, senza risolvere il problema di uno Stato troppo costoso.

Servizio Precedente

Candiani (Lega): Smettere di chiedere Green Pass a italiani che vanno in Svizzera

Prossimo Servizio

Fino a 2020 il 75% dei tunnel liguri fuorilegge. 21 indagati in inchiesta gallerie

Ultime notizie su Economia