BUONI POSTALI FRUTTIFERI PRESCRITTI. CODACONS: IL CONSUMATORE HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO

Lettura 1 min

 Da ormai alcuni mesi tantissimi risparmiatori stanno avendo difficoltà ad ottenere il corretto rimborso di alcuni buoni postali fruttiferi in loro possesso a causa del fatto che quando i titoli vengono portati all’incasso all’ufficio postale viene loro detto che il diritto al rimborso è ormai caduto in prescrizione.

Ma cosa c’è di vero? Davvero il consumatore non ha più diritto di ottenere un euro per quei buoni?

Secondo l’Arbitro Bancario Finanziario (l’organismo deputato a risolvere i contrasti tra consumatori/risparmiatori ed intermediari) l’intestatario del buono ha comunque diritto ad ottenere il risarcimento del danno patito.

Secondo il Codacons, “La questione affrontata nelle ultime settimane e mesi è molto complessa e riguarda il fatto che molti consumatori non siano stati correttamente informati dei titoli in loro possesso con l’effetto che moltissimi hanno perso migliaia di euro di investimenti fatti. Ma non tutto è perduto – afferma Marco Donzelli, Presidente Nazionale del Codacons – infatti, da qualche mese a questa parte gli Arbitri hanno ritenuto che l’intermediario debba essere condannato a risarcire il consumatore per il danno patito, dovuto alla mancata consegna del Foglio Informativi Analitico nel quale veniva indicato il valore dell’investimento fatto! Avete buoni postali e ritenete di essere stati danneggiati? Scriveteci per avere assistenza!”

Contatti: consulenze@codaconslombardia.it

Servizio Precedente

Blitz antidroga al Pilastro a Bologna. Il sindaco: Quella citofonata di Salvini fu dannosa. E se avesse ritardato lavoro indagini?

Prossimo Servizio

L'ultimo danno del reddito di cittadinanza. 75mila ristoranti e bar non trovano personale per l'estate e rischiano di non riaprire

Ultime notizie su Economia